Caso Silva-Mendy, aumentano i problemi per il City: ora anche Guardiola rischia la squalifica!

Caso Silva-Mendy, aumentano i problemi per il City: ora anche Guardiola rischia la squalifica!

In Inghilterra continua a tenere banco il caso Bernardo Silva. E il portoghese ormai si sarà amaramente pentito di aver scherzato con Mendy, visto che il suo tweet in cui paragonava il compagno di squadra alla mascotte di una marca di caramelle ha praticamente creato il caos. Coinvolgendo anche…Pep!

di Redazione Il Posticipo

In Inghilterra continua a tenere banco il caso Bernardo Silva. E il portoghese ormai si sarà amaramente pentito di aver scherzato con Mendy, visto che il suo tweet in cui paragonava il compagno di squadra alla mascotte di una marca di caramelle ha praticamente creato il caos. Peggio ancora è andata quando è riemerso dalla rete un video in cui il portoghese prendeva in giro il suo amico (i due sono inseparabili dai tempi del Monaco) chiedendogli perchè fosse nudo, quando il francese era vestito di nero. Morale della favola, il fantasista del Manchester City rischia sei giornate di squalifica. Ma non è l’unico.

DIFESA – Come riporta AS, una sanzione simile potrebbe addirittura toccare a Pep Guardiola, che nell’ultimo periodo ha passato più tempo a difendere Bernardo Silva dalla Football Association che a preparare le partite dei Citizens. Il catalano ha spiegato più volte che i due sono amici, che il portoghese è un ragazzo squisito e che non c’era assolutamente nulla di razzista nelle sue battute all’amico Mendy. Ma una frase in particolare può costare cara anche al tecnico, che prima della partita contro il Preston ha spiegato: “L’immagine non era riferita al colore della pelle. Ha trovato una foto di Benjamin da piccolo che lo ha fatto pensare a quel personaggio, che gli somiglia abbastanza”.

REGOLE – Ovviamente, anche questa frase non è stata molto gradita. Il punto che evidentemente non è chiaro dalle parti di Manchester è che la Football Association non può valutare le intenzioni, ma i fatti. E per quanto scherzose fossero le battute di Bernardo Silva e per quanto realistica sia la difesa del suo calciatore da parte di Guardiola, le regole configurano tutte queste cose come un caso di razzismo. E come tale lo tratterà la commissione disciplinare, che a questo punto potrebbe infliggere una bella batosta sia al calciatore che al suo allenatore. Il che, in un momento in cui il Liverpool in Premier rischia di fuggire via a ogni passo falso dei Citizens, sarebbe uno scenario catastrofico.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy