Caso Sala, McKay attacca il Cardiff: “Lo hanno abbandonato in hotel a cercarsi un volo da solo!”

Caso Sala, McKay attacca il Cardiff: “Lo hanno abbandonato in hotel a cercarsi un volo da solo!”

Si continua a parlare di Emilano Sala. Questa, volta, a tornare sull’argomento, è Willie McKay, l’intermediario che ha organizzato il viaggio da Nantes fino al Galles. Costretto, o quasi, da una presunta immobilità del Cardiff al riguardo.

di Redazione Il Posticipo

Il tempo passa, ma non passa il ricordo della tragedia che ha coinvolto Emilano Sala. A tornare sull’argomento, Willie McKay, ex agente calcistico, che in una intervista alla BBC ha criticato l’atteggiamento del Cardiff City, a suo parere quasi disinteressato al ritorno del calciatore in Galles dopo l’ultimo saluto ai compagni del Nantes.

MCKAY – “Sala è stato abbandonato in hotel, più o meno costretto a programmare da solo il viaggio”. Parole di Willie McKay, l’agente che di questa storia è uno dei maggiori protagonisti. È lui che ha inviato la celebre mail in cui si parla anche di un finto interesse di grandi club all’attaccante. McKay sostiene che la società gallese avrebbe abbandonato a se stesso. “Nessuno a Cardiff sembrava volesse fare qualcosa (per il trasferimento); è stato abbastanza imbarazzante”, continua, “Hanno comprato un calciatore per 17 milioni di sterline per lasciarlo in hotel a cercarsi un volo da solo”. E alla fine, l’agente si è sentito quasi in dovere di organizzare il viaggio, con il Piper che poi si è inabissato nella Manica.

CARDIFF – Dall’altra parte, però, c’è la versione del Cardiff, che ha dichiarato come avesse proposto un volo commerciale a Sala, rigettando fortemente la critica al club riguardo una presunta immobilità nell’organizzazione del trasferimento. Arriva, infine, la conferma di come il tragico volo dell’argentino sia stato organizzato da McKay, passando per David Henderson, esperto pilota. Che su quell’aereo, però, non ci è mai salito, lasciando il compito a Dave Ibbotson, il cui corpo è ancora disperso sul fondo del Canale della Manica. Alla fine dei conti, tra critiche e scusanti, il più commosso dalla vicenda è Mark McKay, figlio dell’intermediario e, ufficialmente, il vero agente delle negoziazioni. Al funerale in Argentina del calciatore, McKay si è lasciato andare ad una confessione straziante: “Vorrei non averlo mai visto giocare. Vorrei non averne mai saputo nulla”. Ma alla fine l’affare è stato concluso e c’è stato quel volo. E di chi sia la colpa, almeno per il povero Sala, conta poco…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy