Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Caso Pogba-Mbappè, lo stregone smentisce tutto: “Storia inventata, con Paul parlavamo di argomenti spirituali”

Caso Pogba-Mbappè, lo stregone smentisce tutto: “Storia inventata, con Paul parlavamo di argomenti spirituali” - immagine 1
Nonostante Paul Pogba sia infortunato e Kylian Mbappè stia brillando alla Coppa del Mondo, in Francia la questione dello stregone che avrebbe dovuto maledire Mbappè non se l'è dimenticata nessuno. E ora parla il protagonista di questa storia...

Redazione Il Posticipo

Con Paul Pogba infortunato e con Kylian Mbappè che brilla alla Coppa del Mondo, sembrano lontani i tempi in cui Matthias, il fratello del centrocampista della Juventus, faceva video in cui accusava il Polpo di aver provato a danneggiare la carriera dell'attaccante. Eppure era appena qualche mese fa e in Francia la questione dello stregone che avrebbe dovuto maledire Mbappè non se l'è dimenticata nessuno. Al punto che LeParisien è andato a trovare proprio lo stregone in questione, che si fa chiamare Birame D. Che cosa ha detto il senegalese al riguardo? Naturalmente, ha smentito tutto...

"Un'invenzione bella e buona"

—  

"L'intera storia che riguarda la stregoneria è una invenzione bella e buona. Paul non mi ha mai chiesto di fare un incantesimo su Kylian Mbappe, nè per la partita tra Paris Saint-Germain contro il Manchester United nè per qualsiasi altra occasione". Partita in cui, per i più curiosi, Mbappè gioca così male che forse forse l'idea che fosse stato effettivamente maledetto non è da escludere del tutto... Ma, ironia a parte, Birame D ci tiene a spiegare che Pogba non ha altro che un enorme rispetto per il suo compagno di nazionale. E che effettivamente di Mbappè si è parlato nelle conversazioni con lo stregone, ma non certo per maledirlo...

"Parlavamo del Corano"

—  

"L'unica volta che abbiamo parlato di Kylian è stato in una telefonata durante i Mondiali 2018. Dopo la partita contro l'Argentina ho detto a Paul 'è assurdo quanto sia veloce quel piccoletto'. E lui mi ha risposto con queste parole: 'Kylian, è un dono di Dio averlo con noi, ci aiuta molto e fa tantissime cose buone". Dunque, nessuna maledizione. Anzi, con Pogba Birame D parla solamente di religione. "Parlavamo del Corano, delle preghiere che dobbiamo fare tutti i giorni e di argomenti spirituali. Gli ho fatto capire che su questo pianeta siamo solo di passaggio e che tutte le cose materiali che accumuliamo durante la nostra esistenza non conteranno nulla dopo la morte". E a questo punto, neanche le vittorie contro le squadre di Mbappè!