calcio

Caso Neymar, niente chiusura: la Polizia chiede una proroga nelle indagini sul presunto stupro

(Photo by Alexandre Schneider/Getty Images)

Le autorità stanno aspettando di ricevere le immagini dell'hotel parigino dove ci sarebbe stato l'incontro tra il giocatore e la modella Najila Trindade. In attesa che arrivi questa documentazione, il caso resta aperto. Neymar spera che si chiuda...

Redazione Il Posticipo

Ieri la Polizia di San Paolo avrebbe dovuto consegnare i risultati delle indagini avviate per il presunto stupro di Neymar nei confronti della modella brasiliana Najila Trindade, ma ha chiesto trenta giorni in più per consegnare il rapporto, secondo un articolo pubblicato da OGlobo. Le autorità aspettano di ricevere alcune immagini del video che testimoniano l'incontro tra il calciatore e la donna e che potrebbero risultare determinanti per scoprire la verità.

VIDEO - Le immagini aiuterebbero gli investigatori a chiarire alcuni punti in cui le testimonianze delle due persone coinvolte, Neymar e la modella brasiliana, divergono, come quando ad esempio si parla del livello di ubriachezza che caratterizzava il giocatore al momento del suo arrivo nell'hotel parigino per l'incontro. Le immagini girate dalle telecamere di sicurezza, in cui la modella assicura di essere stata violentata da Neymar, sono state confiscate dalla polizia francese che però le ha rese disponibili alle autorità brasiliane, come riportato dall'Équipe lo scorso giugno.

L'ACCUSA - La modella ha denunciato l'attaccante per stupro una settimana dopo l'incontro e sostiene di essersi recata a Parigi per avere rapporti sessuali con Neymar, il 15 maggio scorso, ma di aver cambiato idea quando ha saputo che il calciatore non aveva preservativi. Il 13 giugno Neymar ha assicurato di essere innocente alle autorità commentando: "Sono calmo... La verità viene fuori prima o poi". Neymar ha anche testimoniato davanti alla giustizia a Rio de Janeiro per un presunto crimine informatico, che avrebbe commesso quando ha pubblicato sui suoi social la conversazione avuta con la modella e in cui c'erano anche foto intime della modella. Così O’Ney ha voluto dimostrare che la donna aveva mantenuto con lui un rapporto normale dopo l'incontro sessuale avvenuto sotto il suo consenso.