Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Caso Manchester City, l’AD del Borussia attacca Guardiola e i suoi: “Niente da festeggiare, salvi solo perchè le prove non erano abbastanza evidenti”

Non si placano le polemiche per la sentenza del TAS sul caso Manchester City, che ha restituito alla squadra di Guardiola la possibilità di giocare di nuovo le coppe europee. E non sono solamente le squadre della Premier League ad essersi...

Redazione Il Posticipo

Non si placano le polemiche per la sentenza del TAS sul caso Manchester City, che ha restituito alla squadra di Guardiola la possibilità di giocare di nuovo le coppe europee, dopo che la UEFA la aveva giudicata colpevole di non aver rispettato i criteri del Fair Play Finanziario. A lamentarsi sono stati in particolare Klopp e Mourinho, rispettivamente rivale più recente e storico del tecnico catalano. Per gli allenatori di Liverpool e Tottenham la decisione del tribunale arbitrale non è stata assolutamente positiva. Guardiola, dal canto suo, ha invitato i colleghi a telefonargli, nel caso ci fosse qualcosa che non è chiaro nelle motivazioni della sentenza.

SCONFITTA PER LA UEFA - Pep però farà meglio ad aspettarsi qualche altra chiamata, considerando che non sono solamente le squadre della Premier League ad essersi lamentate del rovesciamento della decisione della UEFA. Anche dalla Germania arriva una frecciata. E come era logico attendersi, proviene dal Borussia Dortmund, ex squadra di Klopp e storica rivale del Bayern, che con Guardiola ha vinto tre campionati tedeschi. A parlare è l'amministratore delegato del club, Hans-Joachim Watzke. Il dirigente giallonero ha spiegato a Kicker le sue perplessità al riguardo, citando il suo ex tecnico quasi alla lettera: "Da un punto di vista generale, non è stato un buon giorno per il calcio. Ed è anche una sconfitta per la UEFA".

NIENTE DA FESTEGGIARE - E, di riflesso, una vittoria per il Manchester City. Dalle parti dell'Etihad la notizia è stata accolta con gioia, con selfie e con post social che celebravano la possibilità di giocare la Champions anche nella prossima stagione. Un qualcosa che Watzke ritiene totalmente fuori luogo."Vorrei consigliare al Manchester City di smetterla di festeggiare. Leggendo bene le motivazioni della sentenza, si capisce facilmente che è arrivata soltanto perchè le prove a loro carico non erano abbastanza evidenti. Quindi non c'è proprio niente da festeggiare, dovrebbero proibirglielo". Chissà come la prenderanno a Manchester. Di certo, se le due squadre dovessero incontrarsi nella prossima Champions League ci sarà spazio per tornare sull'argomento.