Caso Isco, spunta una lite con Solari e Marcelo lo punzecchia: “Non dico che non lavori, ma…”

Il Real Madrid torna alla vittoria dopo il tonfo in casa con l’Eibar, ma l’attenzione non è sul campo. Ha fatto molto più rumore del previsto l’esclusione di Isco dai convocati per la partita. Cosa succede tra lo spagnolo e Solari? In Spagna hanno la risposta.

di Redazione Il Posticipo

Il Real Madrid torna alla vittoria dopo il tonfo in casa con l’Eibar, ma l’attenzione non è sul campo. Sarà che comunque sia i Blancos che la Roma erano già qualificati prima del fischio d’inizio, ma ha fatto molto più rumore del previsto l’esclusione di Isco dai convocati per la partita. Lo spagnolo, che comunque si è fatto tutto il viaggio con i compagni e si è seduto in tribuna, ha tenuto banco anche nelle domande post-partita, in cui Solari ha parlato di “scelte precise per momenti precisi”. Che tra i due il rapporto non sia idilliaco lo dicono i numeri, ma cosa è successo prima del match contro la Roma?

CASO – La Cadena COPE ha la risposta: un litigio tra l’ex Malaga e il tecnico avvenuto sul finire della scorsa settimana. Lo assicurano nella celebre trasmissione El Partidazo, in cui c’è anche la spiegazione al perchè, invece di non portarlo direttamente con gli altri a Roma, Solari ha deciso di far fare a Isco la trasferta e poi spedirlo in tribuna. “Il motivo della mancata convocazione di Isco è stata una mancanza di rispetto da parte del giocatore nei confronti del tecnico nello scorso weekend. L’idea è stata comunque quella di non lasciarlo a Madrid, altrimenti una decisione del genere avrebbe concentrato tutte quante le attenzioni su un possibile caso Isco”. Missione fallita, perchè in Spagna si parla molto più di Isco che dello 0-2 dell’Olimpico.

MARCELO – E anche Marcelo, uno di quelli che con Lopetegui non si trovava benissimo, si accoda alle scelte del nuovo tecnico e punzecchia il compagno di squadra. Come riporta AS, a chi gli chiede un consiglio da dare a Isco, che ha visto il match dalla tribuna e che sta passando un momento non proprio esaltante, il brasiliano risponde in maniera sibillina. “Non sono nessuno per dare consigli. Siamo tutti adulti, padri di famiglia, sappiamo da soli quello che dobbiamo fare. Tutti i calciatori vogliono giocare, ma bisogna lavorare. È una cosa che succede a tutti. Bisogna lavorare. E non dico che Isco non lavori, ma il calcio è questo. Vedere dove si sbaglia e migliorare”. Una conferma, seppur indiretta, che a Madrid nessuno è soddisfatto della forma fisica del numero 22?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy