Caso Evra-Suarez, il Liverpool ha chiesto scusa al francese, che però non dimentica: “Per tanti anni hanno ignorato tutto”

Caso Evra-Suarez, il Liverpool ha chiesto scusa al francese, che però non dimentica: “Per tanti anni hanno ignorato tutto”

La sfida Manchester United-Liverpool dell’ottobre 2011 è passata alla storia per gli insulti razziali di Luis Suarez a Patrice Evra. L’uruguaiano ha pagato con una maxi-squalifica quel gesto, oggi finalmente il francese ha ricevuto le scuse che desiderava

di Redazione Il Posticipo

Il razzismo nel calcio non è un problema di oggi: abusi razziali provenienti dagli spalti oppure sentiti direttamente sul terreno di gioco ci sono sempre stati. Indimenticabile purtroppo quanto accaduto nel dicembre 2011 quando Luis Suarez ha offeso il collega Patrice Evra nel corso di Manchester United-Liverpool (1-1). Dopo la partita, il francese ha denunciato l’uruguaiano in televisione sostenendo di essere stato offeso dal rivale con lo stesso epiteto razzista per una decina di volte in campo. Un bruttissimo episodio su cui i Reds però ci hanno finalmente messo una pezza.

MAXI-SQUALIFICA – L’ex difensore dello United ha rivelato che il Liverpool gli ha inviato una lettera di scuse per il modo in cui ha gestito l’abuso razzista fatto da Luis Suarez nell’ottobre 2011 e costato al giocatore una squalifica di otto giornate. Dopo l’accaduto, i giocatori del Liverpool hanno indossato magliette a sostegno di Suarez facendo infuriare il francese e Jamie Carragher si è scusato solo l’anno scorso quando ha visto Evra negli studi di Sky Sports.

LETTERA – Il francese è rimasto ferito da quell’episodio, ma riesce finalmente a metterselo alle spalle dopo la lettera ricevuta da Peter Moore che svolge il ruolo di CEO dei Reds: “Sono stato contento che Carragher si sia scusato. Ho ricevuto una lettera dal club e sono rimasto colpito, è arrivata tre giorni dopo il mio sfogo. Ringrazio la società anche se sono molto deluso perché per tanto tempo un grande club come il Liverpool ha ignorato una causa del genere”. Evra è convinto che i Reds siano in mani migliori: “Oggi persone oneste lavorano per il club e ho ancora più rispetto per il Liverpool perché stanno combattendo un problema enorme per la storia dell’uomo”.

CUORE UNITED – Il francese ha fatto pace coi Reds, nonostante questo non farà sicuramente il tifo per loro nella corsa al titolo in Premier League: “È stato importante per me, il Liverpool di oggi è un club di alto livello. Sono davvero contento, tre mesi fa però ho detto che spero ancora che non vincano il campionato”. Sul campo però non c’è storia come ha dimostrato l’ultima sfida di Anfield: lo United ci ha messo il cuore, ma i Reds hanno vinto 2-0.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy