Casillas e il segreto di CR7: “La sua piccola rivalità con Messi lo ha aiutato a volersi sempre migliorare…”

Quella tra Leo Messi e Cristiano Ronaldo è una delle rivalità che hanno scritto la storia del calcio. Ma quanto sono stati fondamentali per la crescita dell’altro? Sarebbero stati gli stessi senza un grande rivale da sfidare e da superare? La risposta a questa domanda, almeno per quello che riguarda CR7, la dà Casillas…

di Redazione Il Posticipo
messi ronaldo

Quella tra Leo Messi e Cristiano Ronaldo è una delle rivalità che hanno scritto la storia del calcio. Impossibile ripensare agli ultimi quindici anni senza farsi venire in mente una giocata dell’argentino o una rete del portoghese. Quando si è trattato di premi individuali, poi, non c’è davvero stata storia. L’unico Pallone d’Oro dal 2008 che non è stato vinto dall’uno o dall’altro è quello di Modric nel 2018 e ci è voluta una stagione superlativa del croato e “normale” dei due alieni per far sì che il premio non andasse a uno di loro. Ma quanto Messi e Ronaldo sono stati fondamentali per la crescita dell’altro? Sarebbero stati gli stessi senza un grande rivale da sfidare e da superare?

RIVALITÁ – A questa domanda risponde qualcuno che conosce entrambi molto bene. Iker Casillas, in un’intervista a The National, ha spiegato che per quanto riguarda Cristiano Ronaldo la competizione con Messi è stata uno stimolo in più per il portoghese per continuare a migliorarsi giorno dopo giorno. “Ovviamente Cristiano è un grandissimo professionista, ha una cura maniacale del suo corpo, mangia bene e dà anche la massima importanza al riposo. E tutto questo dà come risultato il tipo di calciatore che è. Inoltre è anche un grandissimo atleta perché è sempre affamato e vuole continuamente migliorarsi. E forse la sua piccola rivalità con Messi lo ha aiutato in questo, ma fondamentalmente dipende quasi tutto dalla sua professionalità e dalla sua ambizione. È questo che gli ha permesso di diventare il migliore nel mondo del calcio”.

(Photo by Jasper Juinen/Getty Images)

FUTURO – Ora però l’obiettivo di Cristiano Ronaldo è quello di rimanere al top per più tempo possibile, nonostante la carta d’identità faccia segnare ormai trentacinque primavere. Gli anni che passano sono in grado di cambiare CR7 o il suo modo di intendere il calcio e la vita gli permetteranno di andare avanti ancora a lungo, magari anche di sfondare il muro dei quaranta come hanno fatto altre leggende? Casillas, anche dall’alto della sua esperienza con l’infarto che lo ha costretto a smettere, non sa cosa aspettarsi. “Spero che possa continuare ancora molto, ma ovviamente sia il calcio che la natura sono quelli che sono. Sappiamo tutti che ogni cosa ha una sua fine e che il tempo ha effetto su ognuno di noi. La speranza è di potercelo godere ancora per parecchio, ma è complicato fare previsioni”. Ma chissà che il suo ex compagno di squadra…non decida di dargli torto!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy