Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Caos a Parigi: “Cancelli chiusi senza motivo. Esperienza spiacevole e pericolosa”

Caos a Parigi: “Cancelli chiusi senza motivo. Esperienza spiacevole e pericolosa” - immagine 1

 In un primo momento la Uefa annuncia sugli schermi dello stadio che il ritardo era dovuto al "ritardo dell'arrivo dei tifosi". In una successiva dichiarazione l'Uefa ha affermato che il ritardo era dovuto a "motivi di sicurezza".

Redazione Il Posticipo

Il Liverpool furioso. Secondo quanto riportato dal Telegraph, il calcio d'inizio della finale di Champions League allo Stade de France è stato ritardato dopo che i controlli di sicurezza hanno generato un collo di bottiglia e una diffusa preoccupazione tra i tifosi che cercavano di accedere allo stadio da una rampa che portava al gate U sul lato ovest del  terreno di gioco.  In un primo momento la Uefa annuncia sugli schermi dello stadio che il ritardo era dovuto al "ritardo dell'arrivo dei tifosi". In una successiva dichiarazione l'Uefa ha affermato che il ritardo era dovuto a "motivi di sicurezza".

TESTIMONIANZA - Secondo quanto riportato oltremanica, c'è stato un testimone oculare. Il giornalista Andy Kelly, che lavora per il Liverpool, ha twittato: "I tifosi fanno la fila fuori con i biglietti  in mano per un cancello che è stato chiuso senza motivo. Sono stati appena lanciati dei lacrimogeni. Esperienza assolutamente spiacevole e pericolosa. Non è così che i fan dovrebbero essere trattati in una società civile. Inaccettabile."

POLIZIA - Necessario, secondo la ricostruzione, anche l'intervento della polizia. Le forse dell'ordine avevano allestito dei blocchi con i loro furgoni all'avvicinamento alla rampa che passava sotto l'autostrada A1, versante lato ovest dello stadio per cercare di rallentare il flusso dei tifosi fino al controllo di biglietti e borse. Tuttavia, due ore e mezza prima del calcio d'inizio, quando sono arrivati ​​i giornalisti del Telegraph, i controlli erano già rallentati e centinaia di fan erano stipati  in uno spazio ristretto. All'interno del collo di bottiglia anche tifosi infiltrati senza biglietto. Alcuni respinti, altri invece entrati dentro il recinto dello stadio avendo scavalcato.

PAURA - Momenti di panico dunque, legati anche alla presenza di tante famiglie e bambini. Ci sono stati momenti di tensione e paura. Sono stati utilizzati anche degli spray al peperoncino. Perdere il controllo della situazione avrebbe causato un enorme pressione. Fortunatamente la folla è rimasta calma. L'ex amministratore delegato del Liverpool, Peter Moore, ha descritto le scene fuori dallo Stade de France come "vergognose" e ha respinto le affermazioni dell'Uefa secondo cui il ritardo del calcio d'inizio era dovuto all'arrivo in ritardo dei tifosi e ha affermato che era la conseguenza di "un'orrenda organizzazione".