Cambia la squadra, ma la vittima no: Simeone è ancora… matador

Giovanni el Cholito Simeone l’ha fatto di nuovo. L’attaccante del Cagliari deve avere qualche conto in sospeso con il Torino e gli segna quasi sempre. Stavolta, fa addirittura una doppietta.

di Redazione Il Posticipo

Certi giocatori sono abbonati al gol contro una determinata squadra. E tra questi c’è Giovanni el Cholito Simeone. L’attaccante del Cagliari ha evidentemente più di qualche conto in sospeso con il Torino. Gli segna quasi sempre. E almeno una volta a stagione. Interrottamente da quando ha messo piede in Italia. E questa volta, porta a casa una doppietta.

CAGLIARI – El Cholito è alla sua terza partita contro il Torino da quando indossa la maglia del Cagliari. E prima della sfida dell’Olimpico si era confermato. Una tassa. Stavolta, l’argentino ne fa due per… recuperare terreno, perché lo scorso anno, all’andata, il ragazzo era uscito dall’Olimpico piemontese mettendo a verbale “soltanto” un assist. Mentre in Sardegna, come sempre, non aveva perdonato.

FIORENTINA – Con la maglia viola addosso, il bilancio è diverso. Nelle sue due stagioni con la Fiorentina, Simeone contro il Torino segna in due sole occasioni su quattro, specificatamente al Franchi. Ma nella prima assoluta manda in porta anche un compagno di squadra. Quattro partite, due vittorie e due pareggi, entrambi per 1-1. I granata già sembravano aver messo in conto che avrebbe segnato, memori dell’epoca genoana del ragazzo.

GENOA – Anche nella sua prima esperienza italiana, al Geno, El Cholito aveva segnato in uno dei due incontri contro il Toro. Quanto basta per iniziarlo a chiamarlo Matador. Tornando all’inizio, però, per pura precisione statistica, va sottolineato non solo che questa è la prima doppietta contro i granata ma è anche la prima volta che il ragazzo riesce a segnare in trasferta. Tutti i gol rifilati ai piemontesi finora, infatti, li aveva segnati giocando in casa. In qualche modo, doveva pur rimediare…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy