Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Busquets smentisce Laporta: “Xavi ha dei meriti, ma noi eravamo in nazionale anche prima che arrivasse lui…”

Busquets smentisce Laporta: “Xavi ha dei meriti, ma noi eravamo in nazionale anche prima che arrivasse lui…” - immagine 1
Almeno secondo il presidente blaugrana Laporta, le buone prestazioni della Spagna dipendono dalle scelte di Xavi. Ma arriva una reazione forse inattesa da uno dei pilastri sia della Roja che del Barça: il capitano di entrambe, Sergio Busquets.

Redazione Il Posticipo

La Spagna si gioca la possibilità di arrivare agli ottavi di finale della Coppa del Mondo 2022 contro il Giappone, sapendo che basta un punto per qualificarsi e che una vittoria confermerebbe il primo posto nel girone. Certo, una sconfitta significherebbe eliminazione, in caso di una  contemporanea vittoria della Costa Rica o di una goleada della Germania, ma a questa possibilità Luis Enrique e i suoi non vogliono neanche pensarci. Del resto, c'è già abbastanza di cui parlare riguardo le Furie Rosse. Ci sono i giovani terribili, c'è l'allenatore che ormai fa lo streamer...quasi a tempo pieno e c'è la questione dei meriti del Barcellona. Almeno secondo il presidente blaugrana Laporta, le buone prestazioni dipendono dalle scelte di Xavi.

I meriti di Xavi

—  

Una dichiarazione, quella del numero uno del club catalano, che ovviamente ha fatto storcere il naso a tanti. E che anzi, ha causato una reazione forse inattesa da uno dei pilastri sia della Roja che del Barça: il capitano di entrambe, Sergio Busquets. Il centrocampista della Spagna ha parlato a El Larguero su Cadena Ser, spiegando che forse Laporta ha un pochino esagerato... "Al presidente è venuta fuori la vena barcellonista. Xavi ha il merito di aver dato spazio a Balde, di aver acquistato Ferran... Però noi altri stavamo già in nazionale prima che Xavi si sedesse sulla panchina del Barcellona. E anche se noi giocatori del Barça siamo importanti, il merito di quello che stiamo facendo è della nazionale, in particolare del CT, e di tutti i compagni che ci aiutano qui". Insomma, bocciato il lodo Laporta...

Il futuro di Busquets

—  

Il capitano del Barcellona e della nazionale spagnola ha anche parlato del suo futuro. Le ultime voci lo danno verso l'approdo in MLS, all'Inter Miami di David Beckham, una volta che a giugno 2023 scadrà il suo contratto. E il centrocampista dice la sua. "Non ho ancora deciso dove andrò a giocare l'anno prossimo, l'ho già detto molte volte. Lo so che è il mio ultimo anno di contratto ma sono successe tante cose. Non ho nulla di già firmato, ma entro febbraio vorrei avere tutto più chiaro e prendere una decisione. Il fatto che posso andare a Miami lo si dice da quando è stata creata la franchigia. Mi piacciono gli Stati Uniti e soprattutto Miami, parliamo anche di un campionato attraente. Ma non ho ancora negoziato nulla, il primo che lo saprà è il Barcellona". Dunque, futuro ancora nebuloso per il senatore spagnolo...