Bruno Peres, l’Europa ti fa bello… e decisivo. E questa volta fa felice Fonseca

Ancora una volta il calciatore brasiliano trova il modo di rendersi utile alla causa giallorossa in campo internazionale. Anni fa contro Fonseca. Questa volta a favore…

di Redazione Il Posticipo

Bruno Peres,  va di corsa… e la Roma viaggia spedita. Il brasiliano, questa volta, aiuta Fonseca anche in Europa. Sembrava solamente di passaggio, dopo il mercato di gennaio e l’esperienza nella serie B brasiliana, considerata come l’inizio della fine della carriera.  Bruno Peres, invece, contro tutti i pronostici, sta scoprendo la sua seconda vita calcistica nella capitale. E ancora una volta il calciatore brasiliano trova il modo di rendersi utile alla causa giallorossa in campo internazionale. Come spesso gli è accaduto.

MODULO – Il brasiliano ha risposto ancora  presente, agevolato anche da un sistema di gioco che lo impegna meno in fase difensiva, da sempre tallone d’Achille dell’ex esterno del Torino che ancora una volta, trova in Europa la strada maestra per riprendersi un pizzico di credibilità. E pensare che ha rischiato di chiudere la partita anzitempo dopo una manata punita solo con il giallo. Rimasto in campo, ha ripagato la fiducia del tecnico risollevandosi da una serata difficile con una volata chiusa con un tocco morbido morbido che ha dato il “Là” alla rimonta. E così “brunetto” come lo chiamavano i tifosi fra il serio e il faceto, è tornato a raccogliere consensi.

SECONDA CHANCE – Bruno Peres si sta guadagnando, per la seconda volta… la seconda chance. Una bella soddisfazione per chi faticava a trovare spazio allo Sport Recife, nella seconda serie brasiliana, dopo aver fallito alla Roma. L’Europa, poi, lo rende particolarmente… bello e decisivo. Specialmente con Fonseca. Tocchi che possono cambiare le sorti di un girone come quello in casa dello Young Boys, o di una qualificazione, come il salvataggio miracoloso proprio contro lo Shakhtar di Fonseca: nel 2018, una sua zampata sulla linea di porta salvò un gol fatto, negli ottavi di Champions, rese la sconfitta sopportabile (1-2) e permise alla Roma nel computo dei 180′ di qualificarsi (al ritorno fu 1-0). Questa volta è direttamente Fonseca a beneficiarne.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy