Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Bruno Fernandes zittisce…i suoi cari: “Mia moglie conta i palloni che perdo, mio padre i rigori che sbaglio”

(Photo by Oli Scarff/Pool via Getty Images)

Il portoghese è il miglior marcatore e il miglior assistman stagionale della squadra di Solskjaer e risulta quasi sempre imprendibile. Eppure a fine partita non lesina complimenti agli avversari. Sarà perchè alle critiche...è abituato?

Redazione Il Posticipo

Il 6-2 con cui il Manchester United annichilisce una Roma incerottata e già senza cambi al 37' del primo tempo parla italiano. E non è certo una battuta, considerando che dei marcatori dei Red Devils l'unico che non ha mai giocato in Serie A è Greenwood. Vanno a segno Pogba, due volte Cavani e soprattutto due volte Bruno Fernandes. Il portoghese sarà anche costato tantissimo allo United, ma evidentemente sta ripagando gli 80 milioni l'uno dopo l'altro. L'ex Novara, Udinese e Sampdoria è infatti il miglior marcatore (26) e il miglior assistman stagionale (16) della squadra di Solskjaer e risulta quasi sempre imprendibile per i difensori di Paulo Fonseca. Eppure a fine partita non lesina complimenti agli avversari. Sarà perchè alle critiche...è abituato?

COMPETITIVO - Già, perchè essere un calciatore di livello internazionale non significa poi troppo se invece a casa tua ti punzecchiano per ogni minimo errore. Bruno Fernandes lo ha spiegato qualche tempo fa al sito ufficiale del Manchester United, spiegando a cosa deve la sua competitività, ma anche che ogni volta che scende in campo deve far ricredere qualcuno: la sua famiglia. "Odio perdere, a qualsiasi cosa. Anche a carte. Qualche giorno fa stavo giocando con la mia bambina. E a volte penso che dovrei lasciarla vincere. Non ce l'ho fatta. Lei ha tre anni e mia moglie si arrabbia moltissimo. Anche in Portogallo, quando la famiglia si riunisce a Natale, non sopporto di perdere a tombola". Una mentalità che per un calciatore è una manna dal cielo e che deriva da come tutti a casa siano molto critici nei suoi confronti.

 GRANADA, SPAIN - APRIL 08: Bruno Fernandes of Manchester United celebrates scoring a goal with team mates during the UEFA Europa League Quarter Final First Leg match between Granada CF and Manchester United at Nuevo Estadio de Los Carmenes on April 08, 2021 in Granada, Spain. Sporting stadiums around Europe remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Fran Santiago/Getty Images)

FAMIGLIA - "Credo sia più forte di me, ma che derivi da una famiglia in cui tutti hanno sempre giudicato le mie partite passandole al setaccio. Solo mia madre, qualunque cosa succeda, mi dice che sono stato bravo. Mia moglie è molto più severa. Conta i passaggi che sbaglio e i palloni che perdo, mentre mi padre dopo il Newcastle, mi ha mandato un messaggio complimentandosi per il gol ma invitandomi a calciare bene i rigori". Quello con cui ha messo a segno il 4-2 contro la Roma, per quanto contestato nella sua assegnazione, è stato praticamente perfetto. E di palloni sbagliati se ne sono contati davvero pochi. Insomma, il match di Old Trafford dovrebbe aver fatto vincere a Bruno Fernandes la battaglia contro i suoi critici più severi. Ma visto l'andazzo, non è neanche così certo...