Benevento da leggenda: gol del portiere Brignoli e arriva il punto…numero uno!

Interrotta al Vigorito la serie di sconfitte consecutive del Benevento. Tutto merito di Alberto Brignoli, estremo difensore dei Sanniti, che all’ultimo minuto regala il pareggio più inaspettato ai giallorossi.

di Redazione Il Posticipo

Il miracolo dei miracoli. Perchè se già può sembrare strano che il Benevento riesca a ottenere il primo punto della sua storia in Serie A contro il nuovo Milan di Gattuso, ciò che può davvero sembrare impossibile è che ciò accada all’ultimo minuto e su rete del portiere sannita. Sì sì, abbiamo tutti visto bene. I giallorossi si scrollano di dosso lo zero in classifica grazie a una rete di Brugnoli, l’estremo difensore che si è gettato all’assalto su un corner che rappresentava l’ultima chance. Una scena ormai quasi classica del calcio, ma che mai come al Vigorito ha assunto i contorni della leggenda.

Brignoli, eroe di tutta Benevento

Alberto Brignoli, classe 1991, è il nuovo eroe di Benevento. Di tutti, indistintamente, perchè l’onta delle quattordici sconfitte feriva tutta la città, anche chi di calcio ci capisce poco. Ma ora basta passare da zimbelli della Serie A. La squadra con tutta probabilità retrocederà, ma grazie al suo portiere goleador si è almeno tolta una bella soddisfazione. Brignoli batte Donnarumma, in un duello che in teoria doveva svolgersi a distanza di novanta metri, ma che si è condensato in pochi secondi dentro l’area rossonera. Stacco imperioso, colpo di testa sul secondo palo e poi il caos. Ha pareggiato il Benevento. Con il portiere. Sembra una battuta, ma invece è una bella favola divenuta realtà.

Due gol subiti, ma quello segnato vale di più

Brignoli, ventiseienne bergamasco di proprietà della Juventus, eroe per un giorno. Otto presenze per lui in campionato e 18 reti subite. In media con le statistiche della peggior squadra dei cinque campionati più importanti d’Europa, che conta ora 28 marcature a carico. Ma il momento del primo punto è arrivato, grazie al goleador che di certo non ti aspetti. Che doveva anche essere abbastanza arrabbiato con la sua difesa, che non ha evitato che Bonaventura e Kalinic potessero inzuccare indisturbati da due passi e condannare il Benevento alla sconfitta numero 15.

I precedenti: Rampulla, Toldo e Taibi

Ma i sanniti non si sono arresi e non si è arreso Brignoli, che dopo anni passati in giro in prestito per tutta Italia e con una tappa in Spagna al Leganes, sale agli onori delle cronache per un gol. Non subito, ma segnato, con un gesto da attaccante vero. Di predecessori importanti il bergamasco ne ha, partendo da Rampulla, passando per Taibi e Toldo. Ma per quanto un gol sia sempre un gol, e un punto, in fondo, non cambia molto la situazione del Benevento, nessuno di quelli menzionati ha l’importanza, anche solo simbolica, della rete del portiere dei Sanniti. Per cui oggi inizia un nuovo campionato. Addio quota zero. Punti uno, grazie al…numero uno. Anche se in realtà indossa il 22.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy