Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Brasile, Neymar è nei guai: ha infranto una regola non scritta all’interno dello spogliatoio della Seleção…

Brasile, Neymar è nei guai: ha infranto una regola non scritta all’interno dello spogliatoio della Seleção… - immagine 1
La Coppa del Mondo si avvicina sempre di più ed è arrivato il momento in Brasile di parlare di Neymar... Cosa ha combinato stavolta il...ragazzo terribile? Si è schierato con Bolsonaro alle elezioni, ma ha messo in mezzo anche la nazionale...

Redazione Il Posticipo

La Coppa del Mondo in Qatar si avvicina sempre di più e, come ormai accade da otto anni a questa parte, è arrivato il momento in Brasile di parlare di Neymar... Nel 2014 O Ney era la grande speranza del Brasile per il mondiale casalingo, ma l'infortunio nella partita contro la Colombia ha affondato sia lui che la squadra, che nella celebre semifinale contro la Germania ha subito una sconfitta per 7-1 passata alla storia della manifestazione. Nel 2018 invece, dopo ottime prestazioni nel girone e negli ottavi contro il Messico, la pessima partita contro il Belgio ai quarti ha aperto il processo mediatico sul numero 10, accusato un po' da ogni parte di tuffarsi troppo per trarre in inganno gli arbitri.

L'appoggio a Bolsonaro

—  

E visto che le tradizioni sono importanti, anche stavolta O Ney finisce al centro delle polemiche in patri. Cosa ha combinato stavolta il...ragazzo terribile del calcio verdeoro? Tutta colpa delle elezioni. Come spiega la testata spagnola Sport.es, con il fatto di essersi schierato apertamente a favore del presidente uscente Jair Bolsonaro, poi sconfitto nella tornata elettorale dal suo rivale Lula, Neymar ha infranto una legge non scritta all'interno dello spogliatoio della Seleção, quella che prevede di non prendere posizione su questioni politiche. Neymar lo ha fatto e anche nettamente, utilizzando i suoi social e la sua popolarità per tentare di influire sulla rielezione di Bolsonaro. Ma in fondo il problema non è neanche quello.

La Seleção non si tocca...

—  

Il punto è che nella sua campagna Neymar ha messo in mezzo anche la nazionale. Tra le sue dichiarazioni riguardo le elezioni, l'attaccante ha spiegato che avrebbe festeggiato la rielezione di Bolsonaro ai Mondiali, dedicando al politico il primo gol segnato nella manifestazione iridata. Il che, spiegano dalla Spagna, è stato decisamente troppo. E i compagni di squadra non hanno per nulla apprezzato, creando un clima all'interno dello spogliatoio che non è dei migliori a due settimane dall'inizio della Coppa del Mondo. Senza poi considerare che, come ha spiegato lo stesso Neymar, questa sarà la sua ultima esperienza mondiale. E il fatto che cominci tra le polemiche, esattamente come le due precedenti, in fondo non dovrebbe sorprendere nessuno...