Brasile, minacce shock a Rodrygo: “Ti faccio diventare uno storpio!”. E il Real è spaventato…

Brasile, minacce shock a Rodrygo: “Ti faccio diventare uno storpio!”. E il Real è spaventato…

Come già accaduto con Vinicius, con tutta probabilità il Real non vede l’ora di portare subito a Madrid il talento Rodrygo Goes. Anche perchè in Brasile i difensori lo hanno preso di mira e…lo minacciano!

di Redazione Il Posticipo

Non c’è pace per il Real Madrid. Non bastava la sconfitta contro il Barcellona, che segna ormai l’addio a qualsiasi sogno di poter competere ancora per la Liga. E con tutti i problemi interni, tra calciatori scontenti, pubblico inferocito e un allenatore non proprio solidissimo sulla sua panchina, ci mancavano altre brutte notizie. Che potevano essere anche peggiori, ma che di certo non renderanno felici i Blancos. Si parla di Brasile e più precisamente di Rodrygo Goes, il talento verdeoro del Santos di Sampaoli che il Real Madrid ha già acquistato. E che, come già accaduto con Vinicius, con tutta probabilità non vede l’ora di portare subito a Madrid.

TALENTO – In Brasile, si sa, il gioco spettacolare è incoraggiato, anche perchè piace a tutti: tifosi, società e spettatori neutrali. Solo qualcuno non si diverte troppo quando in campo ci sono calciatori capaci di numeri pazzeschi: i difensori che fanno figuracce per colpa loro. E quindi, come riporta il Sun, i talenti sono vittime di attenzioni non proprio gentili da parte degli avversari. Stavolta è toccato a Rodrygo, che nella partita contro l’Oeste, valida per il Campionato Paulista, si è beccato qualche tackle di troppo, ma anche e soprattutto una minaccia vera e propria. Kanu, difensore della squadra ospite, gli ha fatto capire immediatamente che era meglio…girare al largo.

STORPIO – “Ho dribblato Kanu e mi ha fatto fallo, ma va bene, è una cosa che ci sta”, racconta Rodrygo a Sport TV. “Ma poi ero vicino a lui e mi ha detto ‘stai alla larga da me o ti faccio diventare uno storpio’. È normale, spesso si dicono cose non proprio carine agli avversari, ma dire a qualcuno che lo farai diventare uno storpio non va bene. Credo che i media lo debbano sapere”. E anche il compagno di squadra Diego Mota dà ragione al futuro madridista: “Kanu è una persona cattiva, minacce del genere non sono accettabili”. Alla fine, Rodrygo è uscito dal campo sulle sue gambe e il Santos ha vinto. Ma evidentemente, il ragazzo si è spaventato. Così come certamente saranno preoccupati al Real. Un motivo in più, oltre all’annata storta dei Blancos, per sperare che giugno arrivi il prima possibile.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy