calcio

Le tentazioni pericolose di Leo…

Bonucci, ennesima scivolata. Un intervento fuori tempo, in un momento delicato per il Milan, a cena con i suoi amici della Juventus...

Redazione Il Posticipo

Leonardo Bonucci sposta gli equilibri? Per ora...solo le cene di Natale. E quelle con gli amici. Il capitano del Milan è in ritiro a Milanello con tutta la squadra a tempo indeterminato. Il brindisi è rinviato. Del resto, c'è poco da festeggiare. Bonucci, tuttavia, ha trovato tempo e modo di rivedere gli ex compagni della Juventus.

Ennesimo intervento fuori tempo

Non c'è nulla di male a vedere vecchi amici a cena, specialmente a ridosso delle vacanze natalizie. E poi è noto che Bonucci sia rimasto molto legato ai suoi vecchi compagni di squadra, con cui ha condiviso anni di vittorie e trovato la piena dimensione come uomo e calciatore. Ecco, appunto: magari, però, specie in un momento del genere, sarebbe stato opportuno evitare. Anche perché persino i ciottoli della strada verso Milanello conoscono le difficoltà che sta incontrando Bonucci in questa avventura rossonera.

Bonucci, tentazioni pericolose

Bonucci ha sempre trovato linfa vitale autoalimentandosi con obiettivi da raggiungere. In questo caso il Milan non garantisce alcuna certezza, né a breve né a lungo termine. E ciò acuisce il disagio di un giocatore che, in cuor suo, potrebbe essersi pentito di avere lasciato Torino. Al di là della possibilità di alzare trofei con la Juventus, gli appare difficile aprire un ciclo di vittorie al Milan. Una situazione mortificante e soprattutto, demotivante. Difficile da gestire per chiunque, figurarsi per Bonucci che ha costruito la propria carriera sul coaching mentale.

A proposito di equilibri

E a Torino cosa ne pensano? Una cena e poco più? Beh, il numero 19 non è più (da poco) un rimpianto. L'addio era stato vissuto come una potenziale catastrofe e, al netto delle dichiarazioni piccate di tifosi e dirigenza, Bonucci è effettivamente mancato almeno un po' alla Juventus, che solo da qualche settimana ha ritrovato la permeabilità difensiva. Il paradosso è che l'affare l'hanno fatto i bianconeri. Che, con o senza di lui, hanno subito gli stessi gol dello scorso anno (14). L'assenza è diventata dunque più che sopportabile. Anzi, indolore. E, beffa delle beffe, il Milan, ha subito più reti rispetto allo scorso anno (24 rispetto alle 18 di dodici mesi fa). Con buona pace degli equilibri...

(function() {

var referer="";try{if(referer=document.referrer,"undefined"==typeof referer)throw"undefined"}catch(exception){referer=document.location.href,(""==referer||"undefined"==typeof referer)&&(referer=document.URL)}referer=referer.substr(0,700);

var rcel = document.createElement("script");

rcel.id = 'rc_' + Math.floor(Math.random() * 1000);

rcel.type = 'text/javascript';

rcel.src = "http://trends.revcontent.com/serve.js.php?w=82012&t="+rcel.id+"&c="+(new Date()).getTime()+"&width="+(window.outerWidth || document.documentElement.clientWidth)+"&referer="+referer;

rcel.async = true;

var rcds = document.getElementById("rcjsload_e27c7e"); rcds.appendChild(rcel);

})();

tutte le notizie di