Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Bolt: “Volevo Conte allo United, non giochiamo un buon calcio da anni e ci salva sempre Cristiano Ronaldo…”

(© Twitter: @Palmeiras)

Il velocista non nasconde il proprio dispiacere per il passaggio del tecnico al Tottenham.

Redazione Il Posticipo

Usain Bolt voleva Antonio Conte al Manchester United. Lo sprinter giamaicano ha rilasciato una intervista pubblicata sul sito del thenationalnews, spaziando su vari argomenti. Dalla sua iniziale passione per il cricket al grande amore per il calcio. Meglio correre che inseguire il pallone, ma il velocista resta un grandissimo appassionato nonché tifoso dei Red Devils.

CONTE - Bolt è stato a Dubai per un evento di beneficenza e a margine dell'EXPO si è soffermato a parlare di calcio, regaland diversi spunti. "Gioco sempre con piacere a calcio, anche se ho capito che non è la mia strada. Sono tifoso dello United, come tutti sanno. E mi spiace che Antonio Conte non sia stato preso in considerazione dal mio amato Manchester. Mi piace molto come tecnico. Al suo primo anno alla Juventus, ha vinto lo scudetto, poi è andato al Chelsea e ha vinto subito la Premier. Ed è tornato a vincere in Italia con l'Inter. Mi sembra evidente che ovunque vada, porti in dote successo e organizzazione".

 LONDON, ENGLAND - NOVEMBER 04: Antonio Conte, Manager of Tottenham Hotspur gives instructions during the UEFA Europa Conference League group G match between Tottenham Hotspur and Vitesse at Tottenham Hotspur Stadium on November 04, 2021 in London, England. (Photo by Julian Finney/Getty Images)

RIMPIANTO - Conte ha scelto il Tottenham. Quanto basta per preoccupare Bolt: "Con l'arrivo di Conte agli Spurs noi del Manchester faremo ancora più fatica. Noi dobbiamo solo ringraziare Cristiano Ronaldo che ci ha salvato ad ogni partita. Povero ragazzo, da solo, è costretto a tutto quel lavoro. Non giochiamo un buon calcio da troppo tempo Se fosse arrivato Conre tutto sarebbe andato diversamente. Lui è un mago nel riorganizzare la squadra, l'ambiente e motivare i calciatori. Mi ricorda per certi versi Alex Ferguosn. Quando lui era in panchina noi tifosi eravamo molto più rilassati. Sapevamo di poter vincere e anche la squadra doveva riuscirci perché lo scozzese ti imponeva di farlo. Sono convinto che a gennaio gli spurs completeranno uno o due acquisti importanti e poi al termine della stagione ne acquisteranno altri per accontentare le esigenze di Conte che saprà come cogliere i risultati in campo"