Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Bierhoff: “Sì alle porte chiuse. Poi sacrifici e tagli. Diminuiranno costi e stipendi”

Oliver Bierhoff ha pochi dubbi sul futuro immediato del calcio. I campionati devono essere conclusi, anche a porte chiuse per salvaguardare i diritti TV e ristorare la popolazione, una volta finita la pandemia.

Redazione Il Posticipo

Oliver Bierhoff ha pochi dubbi sul futuro immediato del calcio. I campionati devono essere conclusi, anche a porte chiuse per salvaguardare i diritti TV che sono la "fetta" più consistente della "torta" dei bilanci della società. E anche perché secondo l'ex attaccante di Milan e Udinese, oggi dirigente federale, il calcio potrebbe allentare la tensione generata dagli effetti della pandemia. Le sue parole sono riportate da RTL.

SENSATO  - Bierhoff ritiene che il calcio possa svolgere un ruolo importante nella crisi quando il Covid-19 sarà un brutto ricordo. "Sono fermamente convinto che lo sport e in particolare il calcio possono migliorare un po' l'atmosfera e l'umore nel paese. La soluzione di chiudere il campionato a porte chiuse è sostenibile e sensata. Non si perderanno i soldi dei diritti TV. A casa, fra l'altro,  le persone avrebbero più opportunità non solo per guardare il calcio ma anche altri sport. Ci sarà sicuramente una forte reazione nei prossimi due o tre anni. Naturalmente, i prezzi del mercato scenderanno, così come gli stipendi"

CRISI - Bierhoff ha già vissuto qualcosa del genere. In Italia. "Quando sono arrivato nel 1991, l'economia era in forte espansione. C'erano abbastanza soldi ovunque e sono stati spesi. Poi sono stati scoperti i fondi neri, l'economia è crollata, ci sono stati molti scandali. C'era un adeguamento salariale. E ha funzionato".  Bierhoff non può ancora quantificare il danno economico. "Stiamo pensando a quali investimenti ridurre e come adottare misure di riduzione dei costi. Siamo ovviamente consapevoli che subiremo molti danni. Dobbiamo sostenerci a vicenda e sfruttare questa pausa per pensare,  in modo diverso al futuro. Ad esempio il telelavoro, può essere utile per proteggere l'ambiente e ottimizzare le risorse.  Forse anche questa crisi lascerà qualcosa in eredità".