Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Bielsa una autocritica loca: “Mi credete così vanitoso da pensare di non essere esonerato dopo un 7-0?”

Bielsa una autocritica loca: “Mi credete così vanitoso da pensare di non essere esonerato dopo un 7-0?”

Sono passati quasi tre anni e mezzo da quando Marcelo Bielsa è alla guida del Leeds United e, per la prima volta, deve affrontare le critiche

Redazione Il Posticipo

Leeds in grave difficoltà dopo l'Etihad. Sono passati quasi tre anni e mezzo da quando Marcelo Bielsa è alla guida del Leeds United e, per la prima volta,  dopo una promozione sfiorata, una conquistata, una via intitolatagli e una Premier oltre ogni più rosea previsione, il tecnico argentino deve affrontare le prime critiche. A tal punto che si parla, per la prima volta dopo 1200 giorni, di esonero. Il 7-0 subito dal City e una spirale di negativa di risultati rischiano di metterlo in discussione. Bielsa sarà anche Loco, ma mica ingenuo. E in conferenza stampa accetta il confronto.

FIDUCIA - Difficile ripartire dopo un 7-0 e due partite vinte nelle ultime dieci giocate. Bielsa però non ha ancora esaurito il credito della fiducia. Anzi, come riportato da leeds-live, è il primo a credere di poter uscire dalla crisi di risultati. "Contro il Chelsea abbiamo giocato la nostra migliore partita della stagione fino ad ora e contro il City, la peggiore. Ho la speranza ma anche l'obbligo di riuscire a riprodurre la prestazione contro il Chelsea e non quella contro il Manchester. Ovviamente questo momento è il peggiore di tutti quelli che ho avuto a Leeds e ovviamente perdere 7-0 non è solo un'altra sconfitta. Non ho mai pensato che sia bello promettere ma dire che ho portati il ​​più lontano possibile è come dire che è un ciclo chiuso".

 FLORENCE, ITALY - MARCH 09: Marcelo Bielsa manager of OPlympique de Marseille during the "Panchina D'oro season 2013-2014" on March 9, 2015 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

DUBBI - Bielsa è anche molto onesto con se stesso. Dubita del suo lavoro, si mette in discussione e non ha alcuna intenzione di arrendersi sebbene sia consapevole di vivere un momento delicato.  "Credete che io sia così vanitoso da non pensare di poter essere licenziato? Credete che ci sia un allenatore che non possa essere esonerato? Dopo una sconfitta per 7-0, non è possibile scartare a priori ogni ipotesi. Il lavoro di allenatore non è stabile. Posso solo combattere e continuerò a farlo fino alla fine della stagione e spero non succeda nulla che non mi permetta di agire come ho appena detto".