calcio

Bielsa spione, Klopp lo condanna: “L’allenamento non è per nessun altro, ecco perchè noi usiamo le tende…”

(Photo by Andrew Powell/Liverpool FC via Getty Images)

Continua a far discutere Oltremanica il tecnico del Leeds, che ha ammesso di aver spiato tutti i suoi avversari in questa stagione. Il parere dell'allenatore del club capolista in Premier League nei suoi confronti è stato piuttosto duro...

Redazione Il Posticipo

In fondo in Premier League un caso del genere non c'è ancora è stato, ma mai dire mai. E quindi meglio mettere... le mani avanti! Marcelo Bielsa è stato costretto a vuotare il sacco dopo il caso scoppiato all'allenamento in casa di Frank Lampard prima della sfida tra Leeds e Derby County. Già che c'era, l'argentino ha confessato di aver spiato finora tutti gli avversari della sua squadra: una rivelazione che ha scosso la Championship e fatto drizzare le orecchie a tutti i manager in Inghilterra. L'ultimo a prendere una posizione è stato il primo della lista: Jürgen Klopp in testa alla Premier League col suo Liverpool.

CORSA ALLE TENDE - Che il caso Bielsa abbia spinto i Reds a comprare qualche tenda protettiva in più? Questo sarebbe troppo, ma tutte le squadre si barricheranno con molta più attenzione dopo quanto accaduto in casa del Derby County. Chi meglio dell'allenatore della capolista poteva farsi sentire in Inghilterra? Klopp ha fatto il punto sulla situazione spionaggio ai microfoni di Four Four Two: "Le tende non servono in tutte le sessioni della settimana perché nella maggior parte dei casi non è un grosso problema se qualcuno ci guarda. Le usiamo nei giorni a ridosso dei match perché quell'allenamento non deve essere per nessun altro. Capisci molte cose perché alleni i giocatori in formazione. Tutti vorrebbero avere questa informazione, ma nessuno ci riesce. La scopri allo stadio". 

CONTRO BIELSA - Klopp ha criticato l'atteggiamento di Bielsa: "Capisco che Marcelo voglia avere queste informazioni, le vorremmo tutti sugli avversari, ma dobbiamo accettare il fatto che non è possibile. Nessuno vuole che ci sia qualcuno attorno durante le sessioni speciali". Il tedesco ha condannato l'argentino, pur riconoscendone i meriti: "Il suo briefing è stato impressionante e non c'è dubbio che sia un allenatore eccezionale. È uno piuttosto impegnato essendo al top, ma a questi livelli lo siamo tutti. Lo rispetto, ma non si comporta come dovrebbe. Solo un paio di persone dovrebbero vedere le sessioni vicine alla partita. Siamo tutti d'accordo su questo". Tutti, tranne Bielsa?