“Loco” e rancoroso: Bielsa, nel 2006, rinfaccia a Abbondanzieri un errore di due anni prima…

Con El Loco c’è sempre qualche aneddoto notevole. Stavolta riguarda l’ex portiere del Boca Roberto Abbondanzieri.

di Redazione Il Posticipo

Ci sono gli allenatori di calcio e poi c’è Marcelo Bielsa. Sì, perché al di là delle competenze tattiche, dei colpi di genio, degli allenamenti e delle innovazioni, la caratteristica più importante di Bielsa è… il suo soprannome. El Loco. Strameritato, fra spionaggi con binocoli, fughe, arrampicate sugli alberi e denudamenti. Stavolta il protagonista, suo malgrado è l’ex portiere Roberto Abbondanzieri.

IL RAPPORTO – L’ex estremo difensore della nazionale argentina ha un aneddoto da raccontare riguardo al suo CT. Il racconto a Super Deportivo Radio è davvero esilarante: “Bielsa  è sempre stato un allenatore più diretto degli altri, uno di poche parole che però ti insegna molto“. Tutto risale alla finale di Copa América del 2004, quando El Loco era ancora alla guida della Nazionale Argentina e si gioca il titolo contro il Brasile. Su un calcio di punizione, il numero 1 dell’albiceleste sceglie di piazzare una barriera formata da tre giocatori: “Quando ho deciso di mettere tre giocatori gli avversari non hanno calciato in porta ma hanno messo in mezzo un cross. E da quella azione è scaturito il gol”. Per la cronaca, la sfida finisce 2-2 e poi l’Argentina si vede sfilare il trofeo ai calci di rigore.

LOCO O RANCOROSO – Due anni dopo, nel 2006, dopo il mondiale, Roberto Abbondanzieri si trova in Spagna, a Getafe. Qualcuno però non lo ha dimenticato. Né dimentica. “Ricordo che arrivò una persona con una lettera mentre mi allenavo. Il mittente era Marcelo Bielsa. Il mister si congratulava con me per il Mondiale e per essere in Europa a difendere la porta del Getafe”. Non solo complimenti, però: nella missiva, anche una precisazione piuttosto… piccata. Abbondanzieri spiega il finale della lettera. “Devo farti una domanda. Puoi spiegare perché hai messo tre giocatori in barriera e non qualcuno in più?”. El Loco, dopo ben due anni, non era ancora riuscito a mettersi l’anima in pace…

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy