Bibiana Steinhaus, primo arbitro donna della Bundesliga, appende al fischietto al chiodo: “In futuro spiegherò il motivo”

Arriva a sorpresa l’addio al calcio del primo arbitro donna impegnata regolarmente in una competizione maschile, la Bundesliga. Bibiana Steinhaus, subito dopo aver diretto la finale di Supercoppa tra Bayern e Borussia Dortmund, ha annunciato che lascerà la direzione di gara.

di Riccardo Stefani

La storia non tiene conto di tutti e nemmeno dei molti. La storia ricorda i primi ed i migliori. Si parla della scoperta della ruota non di tutti coloro che l’hanno utilizzata. Tra gli anni ’50 e ’70, ad esempio, il mondo era pieno di calciatori ma oggi si ricorda più di chiunque altro il buon Pelé. Allo stesso modo, la giornata di oggi viene scossa dalla notizia dell’addio al calcio del primo arbitro donna impegnata regolarmente in una competizione maschile, la Bundesliga. Bibiana Steinhaus, subito dopo aver diretto la finale di Supercoppa tra Bayern e Borussia Dortmund, ha annunciato che lascerà la direzione di gara.

UNA VITA COL FISCHIETTO – Come riporta Mundo Deportivo, la Steinhaus, poliziotta di professione, decide a 41 anni di appendere fischietto, cartellini e bomboletta al chiodo. E a quanto pare, non sembra essere l’età la motivazione visto che la stessa ha dichiarato: “In futuro spiegherò il motivo“. La decisione viene resa nota attraverso un comunicato pubblicato dopo una riunione con il numero uno degli arbitri della Bundesliga Lutz Michael Fröhlich. Così, dopo 25 anni dall’inizio del suo percorso da arbitro, decide che la sua carriera finisce qui. Arbitro, figlia di un arbitro e attuale compagna dell’arbitro inglese Howard Webb.

IL PERCORSO – Bibiana Steinhaus ha fatto un percorso straordinario. A 16 anni decide di diventare un arbitro e inizia la formazione seguendo le orme del papà. La sua autorevolezza in campo non è data soltanto dalla sua preparazione tecnica ma anche, con buona probabilità, dalla deformazione professionale della poliziotta. Ha debuttato nel calcio professionistico nel 2007 e nel 2017 ha il merito di essere promossa in Bundesliga diventando il primo arbitro donna a dirigere una gara della massima competizione maschile nazionale. Lo stesso Fritz Keller, presidente della federazione tedesca di calcio (DFB) ha espresso dispiacere alla notizia: “Il calcio non perde soltanto un arbitro eccellente ma anche una gran personalità, una pioniera in un bastione maschile“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy