Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Betis, Joaquin, gol e record: “Quando ho calciato ho capito che sarebbe entrata”

Betis, Joaquin, gol e record: “Quando ho calciato ho capito che sarebbe entrata” - immagine 1
Splendida rete dell'esterno del Betis, il calciatore più anziano a trovare il gol in Europa League.

Redazione Il Posticipo

Joaquin, infinito. Il calciatore del Betis, a 41 anni è ancora capace di stupire. Splendida, la rete che fissa il risultato parziale sul 2-0. L'ex viola è il calciatore più anziano a trovare il gol in Europa League. La storia si scrive al 39'. L'esterno riceve palla,  controllo orientato al limite dell'area sinistra e destro violentissimo sul palo più lontano. Giù il cappello e lo stadio. A fine partita il calciatore ha espresso emozioni e sensazioni a movistar. 

GOL

Un gol splendido, oltre che storico. Joaquin non rinuncia all'ironia.  "Questo gol mi ha ricordato una rete messa a segno con la Fiorentina ma questo è un po' più bello se la memoria non mi inganna perché ho una certa età. A questa età non ci sono ancora molti calciatori in giro per i campi ecco perché quando gioco stabilisco un record.  Scherzi a parte, appena è partito il pallone ho capito che sarebbe andato nello specchio della porta e avrei segnato un gol. Sono felice perché questa rete è servita a vincere e mantenere la testa del girone. Siamo a punteggio pieno e sulla strada giusta".

Betis, Joaquin, gol e record: “Quando ho calciato ho capito che sarebbe entrata” - immagine 1

VITTORIA

Al netto della prodezza, una vittoria più sofferta del previsto. " Questa è quel che significa giocare in Europa.  Non esistono partite facili o scontate e qualsiasi squadra è all'altezza della situazione. Il Ludogorets pressa e gioca un buon calcio. Ci ha complicato la vita anche se eravamo ben consapevoli che non sarebbe stato facile. Abbiamo disputato un buon primo tempo, siamo partiti forte proprio per cercare di aprirci la strada e giocare con più calma ma alla fine siamo stati costretti comunque a soffrire. A volte esageriamo e andiamo fuori giri perché è nel DNA di questa squadra giocare un calcio aggressivo e dispendioso anche se il punteggio è già a nostro favore. Per fortuna siamo riusciti a portarci a casa una vittoria che ci siamo meritati".