Berthold: “Prevedo anni duri per la Germania”

Berthold: “Prevedo anni duri per la Germania”

Il difensore Campione del Mondo del 1990 condanna la gestione Law e ritiene che i prossimi anni della nazionale teutonica possano essere complicati come quelli italiani…

di Redazione Il Posticipo

Una giornata che nel suo piccolo scrive la storia del calcio. Nel primo turno di Nations Cup subito un match clou. Campioni del Mondo contro. Francia e Germania. Ultime due nazionali iridate a confronto. Transalpini che hanno raccolto lo scettro dei tedeschi e in casa loro dovranno dimostrarsi degni della “staffetta” Mondiale. Thomas Berthold, che un Mondiale sa come si vince, ha analizzato la sfida ai microfoni di “Maracanà” sulle onde di RMC Sport Network. E non sono mancati gli spunti. Berthold condanna Law e appoggia Mancini. E immagina anni duri per la Germania…

 

GERMANIA- La prima riflessione, ovviamente, è sulla Germania uscita profondamente ridimensionata dalla spedizione in Russia. Berthold vede un futuro difficile: “Il Mondiale è stato un disastro: la squadra ha concluso all’ultimo posto un girone sulla carta molto semplice. La partita contro la Francia vedrà la maggior parte degli uomini riconfermati: quindi mi aspetto ancora gli stessi problemi. Così come mi aspetto anni duri. A questa nazionale mancano terzini ed attaccanti validi

 

MANCINI – E l’Italia? Berthold conosce il commissario tecnico per averlo affrontato da avversario. La sensazione è che il centrale della Germania Campione del mondo del 1990 abbia molta più stima di Mancini che di Low. “Roberto è un allenatore molto esperto, che conosce bene il calcio internazionale. Il problema degli stranieri lo viviamo anche qui in Germania. Apprezzo molto di Mancini la volontà di puntare sui giovani, cosa che ad esempio Joachim Löw non ha avuto il coraggio di fare con la Nazionale tedesca”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy