Bernardo Silva, l’erede…involontario: “Prendere il posto di Cristiano Ronaldo è impossibile. Io ci proverò, ma…”

Bernardo Silva è un calciatore…molto sfortunato. Sia nel Manchester City che in nazionale le sue ottime prestazioni rimangono un po’ in ombra rispetto a quelle di più celebri colleghi. Eppure il trequartista di Guardiola ha solo parole splendide per chi solitamente gli ruba i riflettori. Come quelle per CR7…

di Redazione Il Posticipo

Il portoghese Bernardo Silva è un calciatore…molto sfortunato. Talento da vendere, uno spirito combattivo non indifferente ma parecchi compagni di squadra pesanti, sia nel Manchester City che in nazionale. Dunque, spesso e volentieri le sue ottime prestazioni rimangono un po’ in ombra rispetto a quelle dei più celebri colleghi. Il trequartista di Guardiola, però, non sembra curarsene troppo. Anzi, nell’intervista che concede ad AS l’ex Monaco ha solo parole splendide per chi solitamente…gli ruba i riflettori.

CR7- A partire, neanche a dirlo, da Cristiano Ronaldo. Se il Portogallo ha cominciato a vincere a livello internazionale, con Euro 2016 e la Nations League 2019, il merito è anche di Bernardo Silva. Ma è ovvio che la guida, in campo e fuori, della nazionale lusitana sia CR7. Prima o poi però lo juventino andrà sostituito. Ma Silva non sembra convinto…di essere all’altezza. “Prendere il posto di Cristiano è impossibile. Nessuno potrà mai farlo. Comunque io ci proverò, migliorando sempre per fare il meglio possibile per il Portogallo e per il City, per vincere tutto quello che si può”.

KUN – Anche all’Etihad, comunque, c’è qualcuno che certamente è spesso protagonista: Aguero, il miglior marcatore straniero della storia della Premier. E anche per lui, parole al miele. “Il Kun significa gol, tanti gol. tira in maniera pazzesca, se gli dai un pallone pessimo lui tira benissimo lo stesso. Ed è bello avere in squadra un calciatore che segna così facilmente. Ecco perchè è il miglior marcatore della storia del City e penso che sia vicino a esserlo anche della Premier League. Se continua così, ce la farà”. In realtà Shearer è “solo” 80 gol avanti rispetto all’argentino, ma questo non sminuisce gli elogi di Bernardo Silva.

SILVA – E visto il cognome, complicato non parlare anche dell’altro Silva, David. Con il contratto in scadenza, lo spagnolo è il sogno a parametro zero di chi cerca classe ed esperienza da vendere. Bernardo, dal canto suo…lo raccomanda: “Ha ancora tanto calcio da regalare. Con il suo stile può continuare a giocare quanto vuole. È intelligente, fa sempre la scelta giusta, fisicamente è in grandissima forma. Può andare avanti finchè gli va”. Del resto, due Silva…sono meglio di uno!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy