Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Berardi: “Se ho segnato così tanto ci sarà un motivo. Il salto di qualità? Prima o poi lo farò…”

PARMA, ITALY - MARCH 25:  Domenico Berardi of Italy (R) celebrates with teammate Lorenzo Insigne after scoring the opening goal during the FIFA World Cup 2022 Qatar qualifying match between Italy and Northern Ireland on March 25, 2021 in Parma, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Difficile immaginare un Sassuolo senza il proprio tecnico e il bomber. O forse no.

Redazione Il Posticipo

La carica dei 101 gol. Berardi entra nella storia del Sassuolo centrando anche un piccolo record. Due gol su due calci di rigore, in poco più di 120 secondi. Non era facile presentarsi due volte dal dischetto ma Berardi li ha trasformati entrambi con grande freddezza. Ed esce da un periodo complicato con prospettive assolutamente diverse rispetto a qualche mese fa. Le sue parole sono riprese da Sky Sport.

RITROVATO  - Un calciatore ritrovato. Dentro e fuori dal campo. Sassuolo se lo gode. Sino a che può... "Sicuramente è stato un periodo difficile, ci tenevo a far bene anche in nazionale ma mi sono fatto male. Sono rientrato e ho segnato anche se non ero al 100% ma sono contento di aver dato un aiuto ai miei compagni. Sono soddisfatto di questo traguardo, in questo club mi sento a casa".

ADDIO? - Simbolo del Sassuolo, ma forse è il momento, con tutto il rispetto per i neroverdi, di misurarsi con il calcio che conta. "Questa maglia la sento mia, la sudo ogni volta che lo indosso. Io sono me stesso, cerco sempre di dare il massimo. Di certo, se ho segnato così tanto un motivo ci sarà. Il salto di qualità prima o poi lo farò. Forse è la volta buona un domani lo farò anche perché sono cresciuto sia a livello mentale che di prestazione". Difficile immaginare un Sassuolo senza il proprio tecnico e il bomber. O forse no. "Se De Zerbi andrà via ci mancherà tantissimo ha fatto tantissimo per noi. E anche senza di me? Non lo so..."