Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Berardi: “Momento difficile, spiace non aver chiuso prima il girone”

LONDON, ENGLAND - JUNE 26: Domenico Berardi of Italy shoots whilst under pressure from David Alaba of Austria during the UEFA Euro 2020 Championship Round of 16 match between Italy and Austria at Wembley Stadium at Wembley Stadium on June 26, 2021 in London, England. (Photo by Catherine Ivill/Getty Images)

L'Italia Campione d'Europa chiude il girone al secondo posto e dovrà attraversare le forche caudine degli spareggi.

Redazione Il Posticipo

La nazionale fallisce la qualificazione diretta in Qatar. Dopo tre vittorie consecutive, che semravano aver spianato la strada verso il mondiale del 2022, la nazionale ha rallentato sino a segnare il passo e ... piazzarsi in corsia di emergenza e poi alla piazzola "spareggi".  Il pareggio senza gol a Belfast lascia gli azzurri senza rimpianti, nella peggiore accezione del termine. L'Italia Campione d'Europa chiude il girone al secondo posto e dovrà attraversare le forche caudine, che si è andata scientificamente a cercare, degli spareggi. Berardi analizza la sfida ai microfoni di Raisport. 

LONDON, ENGLAND - JUNE 26: Domenico Berardi of Italy shoots whilst under pressure from David Alaba of Austria during the UEFA Euro 2020 Championship Round of 16 match between Italy and Austria at Wembley Stadium at Wembley Stadium on June 26, 2021 in London, England. (Photo by Catherine Ivill/Getty Images)

DELUSIONE - Delusione forte. La sensazione è che la squadra, anche da un punto di vista mentale, abbia subito la situazione. E non ci abbia creduto più. Sono venute meno forza, convinzione, determinazione. Una fatica soprattutto mentale. "Sicuramente sapevamo che venire a giocare qui non era facile, abbiamo dato tutto non era facile, spiace non aver chiuso prima il girone adesso ci rimbocchiamo le maniche e daremo il massimo in vista degli spareggi in programma a Marzo".

SPIRITO - Impensabile, solo qualche mese fa, un epilogo del genere. Si tornano ad agitare vecchi fantasmi che sembravano allontanati definitivamente dopo la vittoria del campionato europeo. Lo 0-0 a Belfast riporta tutti con i piedi per terra. La nazionale che ha vinto a Wembley è un sbiadito ricordo, un azzurro pallido. "Lo spirito non si è smarrito ci è sempre stato. Il calcio è così a volte la sorte aiuta, altre meno. Adesso occorre pensare a marzo e cercare in tutti i modi di qualificarci. Il Mondiale non può essere mancato ci teniamo tantissimo, daremo il massimo e sono sicuro che ce la faremo".