Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Berardi, non solo il famoso poker del 2014: da Allegri a Pioli, Mimmo è la bestia nera…verde del Milan

Berardi, non solo il famoso poker del 2014: da Allegri a Pioli, Mimmo è la bestia nera…verde del Milan - immagine 1
Una bestia nera...verde per il Milan.

Redazione Il Posticipo

Non più di qualche mese fa, il Milan ha festeggiato lo scudetto al Mapei contro il Sassuolo. Avversario che non è stato mai stato facile vincere. Specialmente se in campo c'è Mimmo Berardi. Il capitano del Sassuolo, in stato di grazia e motivatissimo dopo il rinnovo, vuole tornare ad essere la bestia nera...verde per il Milan. Del resto, quando incrocia i rossoneri, si è sempre esaltato. Il Milan è la prima squadra a cui l'attaccante del Sassuolo riesce a segnare dieci gol. Qualche estate fa la dirigenza rossonera ha pensato di acquistarlo e forse non avrebbe fatto male. Se non altro per renderlo inoffensivo... anche perché in generale ha segnato ed è costato spesso carissimo al Diavolo: 10 gol e quattro assist in 15 partite. E lo scorso anno, non si è fatto mancare il solito... gol che ha gelato San Siro.

POKER

Lo ricorda bene, Max Allegri, che nel gennaio del 2014 si è ritrovato senza panchina dopo essersi scontrato con un promettente attaccante. Un Berardi esagerato, quella notte: mette a segno quattro gol in una sola partita. Tutti aspettavano il nuovo gioiello rossonero, Keisuke Honda. La scena, invece, se la prende prepotentemente l'attaccante che ribalta la partita dopo il doppio vantaggio siglato da Robinho e Balotelli. Tre gol nel promo tempo, poi il poker che costò l'esonero al tecnico livornese.

TRIS

Il bis, anzi, il tris, arriva nella stagione 2014/2015. Il Sassuolo vince  all'andata 2-1 a Milano. Berardi non segna, ma confeziona due assist per Sansone e Zaza. In Emilia, 3-2 nella sfida giocata il 17 maggio del 2015 al Mapei stadium. E ancora una volta il ragazzo di Calabria si esalta contro i rossoneri. Dopo 34' di gioco il risultato è già sul 2-o. Bonaventura e Alex riescono a raddrizzare la sfida ma l'attaccante nerverde si conferma imprendibile per la difesa rossonera siglando il 3-2 al 78'.

Berardi, non solo il famoso poker del 2014: da Allegri a Pioli, Mimmo è la bestia nera…verde del Milan- immagine 2

INCUBO

Negli anni successivi. Berardi continua ad essere un incubo. Ne 2015/2016, il 27 ottobre del 2015 segna la prima rete nella sconfitta subita a Milano (2-1) rovinando l'esordio a Gigio Donnarumma. E nel 2-0 rifilato ai rossoneri al ritorno, manda in gol Duncan. Poi si prende una pausa anche piuttosto lunga dal 2016 al 2020, salvo ripresentarsi nel 2020/2021. In gol all'andata nella sconfitta per 2-1, decisivo al ritorno per l'assist a Raspadori nella vittoria a San Siro (altro 2-1). Pioli è avvisato.