Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Benzema torna in blues. Deschamps: “Decisione presa da tempo. Ho parlato con lui, tutti commettono errori”

(Photo by Adam Pretty/Getty Images)

La scelta maturata dopo un chiarimento. La Francia adesso fa ancora più paura.

Redazione Il Posticipo

Didier Deschamps ha convocato Benzema in nazionale in vista dei prossimi campionati europei. Il centravanti tornerà dunque in blues forte di un curriculum straordinario di vittorie e gol. E ritroverà una Francia che ha vinto il Mondiale. La notizia era nell'aria. Il disgelo ha generato una scelta destinata a terrorizzare gli avversari in vista dell'Europeo. Basti pensare alla forza d'urto generata da un potenziale tridente con Griezmann e Mbappé. In conferenza stampa, come riportato da Le Parisien, il commissario tecnico spiega i motivi della sua scelta.

RITORNO - Perdonato? Piuttosto compreso. I due hanno parlato a lungo. "Ho sempre messo la maglia della nazionale al di sopra di tutto. La decisione, nella mia testa, era maturata giò diverso tempo ma. Ho avuto anche un confronto con il mio staff e alla fine abbiamo deciso così. Ho avuto situazioni complicate con alcuni giocatori, ma ho sempre messo da parte ogni aspetto personale. Nella vita tutti possono sbagliare. Non ho mai messo in discussione le doti tecniche di Karim. Né la sua qualità realizzativa. Non convocarlo non ha comunque impedito alla nazionale di raggiungere risultati importanti. E la sua convocazione è dettata proprio da questo principio. Vogliamo che sia decisivo nella Francia come lo è nel suo club. E l'allargamento della rosa non ha influito sulla mia scelta. Se avessi potuto convocare solo 23 elementi sarebbe comunque rientrato nella lista".

PARLATO - Fra i due c'è stato un chiarimento. "Non posso tornare indietro nel tempo. E comunque occorre pensare al domani. Prima di arrivare a questa decisione c'è stato un passaggio importante. Ci siamo visti, abbiamo parlato, ho riflettuto e sono arrivato a questa decisione. Non dirò neanche una parola sul contenuto del nostro confronto. Avevo bisogno di Benzema, mi serviva. Punto. Ci sarà una competizione forte con Giroud, ma tutte le scelte sono fatte per rendere la squadra il più possibile competitiva. Ho la fortuna di poter contare su moltissimi calciatori di ottimo livello. La Francia ha qualità, intelligenza e fisicità. Adesso ci aspetta un girone molto duro con Germania, Portogallo e Ungheria. Ma giochiamo per vincere".