Bendtner torna a casa: dopo il braccialetto elettronico e gli scandali, l’ex Juve…viene spedito al Copenhagen

Bendtner torna a casa: dopo il braccialetto elettronico e gli scandali, l’ex Juve…viene spedito al Copenhagen

Dopo un lungo peregrinare tra Premier League, Bundesliga e un pizzico di Serie A, Bendtner firma per il Copenhagen. Un’altra delle tante scelte di cuore di questo mercato. Stavolta però non è stato tanto il giocatore a voler andare via, quanto…il Rosenborg a non volerlo più avere attorno

di Redazione Il Posticipo

Alla fine, si torna quasi sempre a casa. E quindi, dopo un lungo peregrinare tra Premier League, Bundesliga e un pizzico di Serie A, Bendtner firma per una squadra danese. L’attaccante, classe 1988, è infatti un nuovo calciatore del Copenhagen, come annuncia su Twitter la squadra in cui è cresciuto prima di volare a Londra sponda Arsenal. Un’altra delle tante scelte di cuore di questo mercato. Stavolta però non è stato tanto il giocatore a voler andare via, quanto…il club a non volerlo più avere attorno. Il Rosenborg, come riporta Mundo Deportivo, stava cercando di cedere Bendtner da ormai due mesi e, anche se alla fine del mercato, la missione è stata compiuta.

2019 – Continua dunque lo strano 2019 di Lord Bendtner, come lo chiamano i suoi tifosi. E dire che negli scorsi anni il danese era stato protagonista del campionato norvegese, vincendo la classifica marcatori e portando il Rosenborg al titolo nazionale. E, se non si fosse infortunato, nell’estate 2018 sarebbe volato anche ai mondiali. Ma così non è stato e la carriera dell’ex juventino è tornata sui binari che, in fondo, gli sono sempre stati più consoni: fare notizia più per quello che combina fuori dal campo che per le prestazioni sul terreno di gioco. E quindi negli ultimi mesi il suo nome è stato legato a due notizie non proprio calcistiche.

GUAI E SCANDALI – La prima sono i 50 giorni di prigione, poi commutati con la condanna al braccialetto elettronico, che gli ha inflitto un tribunale di Copenhagen per aver rotto la mandibola a un tassista. E poi c’è stato l’ultimo, assurdo video, in cui il danese ha ripreso se stesso e la sua fidanzata, che però era in topless. La classica goccia che ha fatto traboccare il vaso, con il Rosenborg che alla fine ha deciso di liberarsi del giocatore, che per un anno dunque farà casa…e allenamenti. O almeno, quella è la speranza del Copenhagen…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy