Becali rivela: “Mou ha rifiutato un assegno in bianco per allenare la Cina!”

Becali rivela: “Mou ha rifiutato un assegno in bianco per allenare la Cina!”

Dopo l’addio di Marcello Lippi alla fine della Coppa d’Asia, a Pechino hanno cercato un altro tecnico di spessore…mondiale. La panchina potrebbe toccare a Fabio Cannavaro, ma la prima scelta della federazione non era il Pallone d’Oro ma qualcuno…di Speciale…

di Redazione Il Posticipo

La Cina è vicina. Ed è ricca. Abbastanza da attirare chiunque, con la promessa di un compenso da nababbo. Eppure c’è chi è stato capace di dire di no. E neanche a un club della Chinese Super League, bensì alla nazionale. Dopo l’addio di Marcello Lippi alla fine della Coppa d’Asia, a Pechino hanno cercato un altro tecnico di spessore…mondiale per prendere le redini della rappresentativa del dragone. E alla fine, tanto per rimanere in tema di Coppa del Mondo 2006, potrebbe toccare a Fabio Cannavaro, con Lippi come advisor. Eppure la prima scelta della federazione non era il Pallone d’Oro ma qualcuno…di Speciale…

BECALI – Già, proprio lui, Josè Mourinho, che ora sembra divertirsi un mondo a fare l’opinionista in TV, ma che sotto sotto non vede l’ora di mettersi di nuovo al lavoro. Ma la necessità di allenare non è così tanta da…andarsene in Cina. E dire che gli avevano offerto addirittura…un assegno in bianco, sul quale apporre lui stesso la cifra. Lo rivela Ioan Becali, procuratore e amico dello Special One a ‘Telekom Sport Romania’. Un’offerta, quella cinese, irrinunciabile. Quasi per tutti però, perchè evidentemente il portoghese sente di poter dare ancora qualcosa ad altissimi livelli. E lo conferma lui stesso a Becali…

ANCORA CINQUE ANNI – “Ci siamo visti per mangiare assieme in un hotel vicino casa sua e mi ha detto che ha ricevuto un’offerta dalla Cina per allenare la nazionale. E mi ha detto anche che gli hanno messo davanti un assegno in bianco. Ma lui mi ha detto ‘Giovanni, ho 54 anni. Voglio lavorare ancora cinque anni in Europa e poi a sessant’anni me ne vado in Cina’“. Per la gioia di chi, Real Madrid in testa, potrebbe aver presto bisogno dei suoi servigi. E poi, conoscendo Mou, siamo certi che la vita del CT faccia per lui? Senza nemici costantemente attorno…con chi se la prenderebbe lo Special One?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy