Bayern, vietato criticare: Salihamidzic stronca Müller in diretta TV dopo le parole su Havertz

Il Bayern Monaco si avvicina al suo ottavo titolo consecutivo ed è sull’ottima strada per sognare addirittura un altro triplete. Ma da qui a vedere un’atmosfera rilassata tra società e calciatori, ce ne passa eccome. E a dimostrarlo ci sono le dichiarazioni di Salihamidzic, che attacca un simbolo del club come Müller…

di Redazione Il Posticipo

Il Bayern Monaco si avvicina al suo ottavo titolo tedesco consecutivo. Una formalità per i bavaresi, che sono talmente abituati a vincere che persino l’ennesima Bundesliga conquistata dopo un inizio di stagione balbettante e un cambio di panchina non fa nè caldo nè freddo alla società. Del resto, i dirigenti lo hanno messo in chiaro più volte: all’Allianz Arena, il double (campionato e coppa) è il minimo sindacale. Flick è sull’ottima strada per portare entrambi i trofei e sognare addirittura un altro triplete, ma da qui a vedere un’atmosfera rilassata tra società e calciatori, ce ne passa eccome. E a dimostrarlo ci sono le dichiarazioni di Salihamidzic.

SENATORE – Il DS del Bayern ha parlato ai microfoni di Sky Deutschland e ha affrontato l’argomento Alaba, con l’austriaco che non è certo della permanenza a Monaco ma che la dirigenza vuole trattenere. E poi è arrivato il rimprovero a quello che è una vera e propria autorità della Stella del Sud: Thomas Müller. Il campione del mondo 2014 è uno dei simboli del club, un senatore tra i più influenti, come dimostra lo scontro con Ancelotti terminato con l’esonero del tecnico emiliano. Ma neanche lui può permettersi di tirare le orecchie al club, come ha fatto parlando di Havertz dopo le semifinali di coppa di Germania.

RIMPROVERO – Riguardo il possibile arrivo del suo compagno di nazionale, Müller ha spiegato che forse non era il caso di pensare ad acquisti costosissimi quando si chiedono tagli degli stipendi ai calciatori. Apriti cielo, perchè tutto ciò Bayern è sacro e l’ex juventino lo ha fatto presente al suo calciatore. “Dopo la partita di coppa, Thomas non era molto felice di come aveva giocato la squadra e forse ha sbagliato con le sue parole. Il giorno dopo ci abbiamo parlato, ci siamo seduti e gli ho detto che non aveva fatto una cosa corretta. E lui l’ha capito. È un ragazzo e un calciatore molto intelligente”. Ma neanche uno come lui…può criticare il Bayern.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy