Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Bayern, se ne va lo scopritore di Lahm, Schweinsteiger e Müller: “Senza di lui sarà complicato per Nagelsmann”

LEIPZIG, GERMANY - MARCH 03: Julian Nagelsmann, Head Coach of RB Leipzig speaks during a TV Interview prior to the DFB Cup quarter final match between RB Leipzig and VfL Wolfsburg at Red Bull Arena on March 03, 2021 in Leipzig, Germany. Sporting stadiums around Germany remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Stuart Franklin/Getty Images)

Lascia il Bayern Hermann Gerland, che è stato uno dei punti di riferimento per la crescita di calciatori come Philipp Lahm, Bastian Schweinsteiger o Thomas Müller. E in Germania...se la prendono con Nagelsmann!

Redazione Il Posticipo

Quando un nuovo allenatore arriva in una squadra, c'è sempre da aspettarsi una piccola rivoluzione, almeno nello staff. Ogni tecnico ha il suo personale di fiducia, che spesso riesce a imporre ai nuovi datori di lavoro. In certi casi, però, cambiare troppo può essere un problema, soprattutto quando si vanno a toccare figure che, vuoi per il lavoro svolto e vuoi per un certo senso di appartenenza sono diventati delle vere e proprie leggende del club. L'ultimo caso simile coinvolge il Bayern Monaco. L'arrivo di Nageslmann è infatti coinciso con la fine del rapporto di lavoro tra il club bavarese e Hermann Gerland. Un addio che una società come il Bayern non riuscirà a digerire molto facilmente.

SCOPRITORE DI TALENTI - Il sessantaseienne ha fatto da assistente a Van Gaal, ma è in Baviera da una vita, avendo fatto il vice già negli anni Novanta. Ma soprattutto Gerland ha lavorato tantissimo con le giovanili ed è stato uno dei punti di riferimento per la crescita di calciatori come Philipp Lahm, Bastian Schweinsteiger o Thomas Müller, tutti quanti passati per il Bayern Monaco II e tutti con un debito di riconoscenza nei confronti di uno dei segreti meglio nascosti del successo del club. Ora, però, con il nuovo corso, per Gerland non c'è più posto, così come per Miro Klose, che era stato promosso a tecnico della squadra riserve, ma che ha già spiegato che nella prossima stagione non sarà più al Bayern Monaco.

 (Photo by Alexander Hassenstein/Getty Images)

NAGELSMANN - E in Germania...se la prendono con Nagelsmann, in particolare Lothar Matthäus. Come spiega AS, il Panzer ha criticato la scelta di rinunciare ai servigi di un mito del Bayern. "Hermann è unico, quello che ha fatto in tutti questi anni non ha prezzo, ha un valore incommensurabile. Per Nagelsmann non sarà facile senza Gerland, ma ora può dimostrare di che pasta è fatto, lui e il suo staff". Il quotidiano spagnolo sottolinea però che il sessantaseienne, così come Klose, è in realtà una delle vittime collaterali dello scontro tra l'ormai ex tecnico Flick e il DS Salihamizdic, una questione che è il punto focale della nuova rivoluzione bavarese. Ma ciò non toglie che gli occhi ora saranno tutti sul mini-Mourinho di Landsberg am Lech...