Barkley, ma che combini? Notte brava a Dubai per il centrocampista del Chelsea, che ora rischia l’ira di Lampard

Nel suo decalogo, che prevede multe salatissime per chi si comporta male, il tecnico del Chelsea ha pensato a tutto…o quasi. E forse è il caso di aggiungere un altro punto all’elenco. Vietato farsi fotografare senza maglietta a Dubai durante una nottata un po’ troppo allegra.

di Redazione Il Posticipo

La sosta delle nazionali regala un caso al Chelsea di Frankie Lampard. Che nel suo decalogo, che prevede multe salatissime per chi si comporta male, ha pensato a tutto…o quasi. Ritardi, uso del telefono durante i pasti, mancato ritorno con l’autobus del club. Qualsiasi cosa possa creare problemi, è compresa nel regolamento interno del tecnico che ha sostituito Maurizio Sarri a Stamford Bridge. Ma forse sarà il caso di aggiungere un altro punto all’elenco. Vietato saltare la nazionale per infortunio, andarsene a Dubai con il permesso del club e farsi fotografare senza maglietta durante una nottata un po’ troppo allegra.

SERATA PARTICOLARE – Il che, come riporta il Daily Mail, è esattamente quello che è successo a Ross Barkley. Il centrocampista del Chelsea non ha potuto rispondere alla convocazione di Southgate per un problema alla caviglia e ha quindi saltato i match contro Montenegro e Kosovo. L’inglese, spiega il tabloid, ha dunque ottenuto la possibilità di prendersi una piccola vacanza durante il periodo di pausa e ha deciso di passarla a Dubai. Dove è stato protagonista di una serata perlomeno particolare, finendo in foto e video che lo ritraggono a petto nudo, mentre abbraccia un compagno di bisboccia e la security di un nightclub cerca di farlo comportare in maniera meno imprevedibile, senza peraltro riuscire nell’impresa.

RECIDIVO – Nulla di troppo scandaloso, se non fosse che non è il primo comportamento simile da parte del centrocampista. Che aveva già fatto arrabbiare Lampard a settembre finendo a litigare con un tassista a Liverpool. Barkley in quell’occasione ha fatto cadere delle patatine nella vettura che lo accompagnava e ha terminato la serata scortato dalla polizia a un bancomat per ritirare i soldi per risarcire il padrone della macchina. All’epoca, Lampard aveva spiegato: “A un livello professionistico, cose del genere non dovrebbero accadere. Mi piace Ross, non ho avuto alcun problema con lui da quando sono qui. Lavora duro e vuole fare bene per il Chelsea. Ha ammesso di aver sbagliato, io mi fido di lui e andiamo avanti”. Ora però la fiducia potrebbe essere stata tradita. E il centrocampista rischia davvero di salutare il Chelsea…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy