Barcellona, un problema non da poco: Ansu Fati sarà…costretto a giocare il Mondiale Under-17

Barcellona, un problema non da poco: Ansu Fati sarà…costretto a giocare il Mondiale Under-17

I catalani hanno lanciato il 16enne e se lo tengono stretto visto il nuovo infortunio di Lionel Messi e il momento opaco di Luis Suarez. Ansu Fati però sarà costretto a stare fuori per un mese dovendo rispondere alla chiamata della Spagna per i prossimi Mondiali. E il Barça non si può opporre…

di Redazione Il Posticipo

A Barcellona piove sul bagnato: la squadra di Ernesto Valverde ha perso di nuovo Lionel Messi, che era rientrato sabato scorso contro il Granada dopo il problema al piede che lo aveva tenuto lontano dai campi a inizio stagione. L’argentino ha accusato un problema alla coscia contro il Villarreal, è stato costretto a uscire ed è a rischio per la gara contro l’Inter in Champions. I problemi della Pulce e il momento piuttosto opaco di Luis Suarez fischiato dai tifosi mettono Ansu Fati in prima fila per un posto titolare, ma il 16enne potrebbe essere assente per “questioni nazionali”.

COPPA DEL MONDO – Il Consiglio dei Ministri ha approvato la naturalizzazione dell’attaccante classe 2002 della Guinea-Bissau: il nome del giocatore compare nella prima lista della Spagna che disputerà il Mondiale Under-17 in programma in Brasile dal 26 ottobre al 17 novembre. Il Barça dovrà mettersi il cuore in pace: stando a Sport, il club catalano potrebbe perderlo per un mese e sette partite. Come spiega AS, secondo quanto riportato dall’articolo 1 dell’allegato 1 del Regolamento dello Statuto e del Trasferimento dei Giocatori, “il loro rilascio è obbligatorio per le partite che compaiono sul calendario internazionale, nonché nelle gare delle competizioni finali della Coppa del Mondo, della Confederations Cup e dei campionati rappresentativi A”. Il Mondiale Under-17 non compare in questa lista, ma Ansu Fati sarà costretto comunque a rispondere alla convocazione alla luce della normativa sportiva spagnola.

IL MOTIVO – L’articolo 76 della Legge spagnola dello Sport e il Regio Decreto della Disciplina sportiva considerano molto grave l’assenza ingiustificata di un giocatore di fronte alla convocazioni fatte dalle selezioni sportive. In caso di infrazione, le sanzioni incluse nel Codice Disciplinare sono dure e consistono in un’ammenda fino a 30.016 euro e la possibilità che il giocatore venga privato della sua licenza da 2 fino a 5 anni o persino per sempre qualora dovesse essere recidivo. Queste rigide sanzioni vengono applicate solo ai giocatori spagnoli che militano in Spagna e all’estero e non vale invece per i giocatori stranieri. Se il nome di Ansu Fati sarà confermato nella lista definitiva, il giocatore sarà costretto a partire per il Brasile lasciando momentaneamente il Barcellona. Un altro guaio per Ernesto Valverde…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy