Barcellona, svelata la nuova maglia e sul web scoppia la bufera…

Barcellona, svelata la nuova maglia e sul web scoppia la bufera…

Le anticipazioni sulla maglia del Barcellona per la stagione 2019/20 hanno decisamente fatto scoppiare una bomba mediatica. Anche perchè la fantasia scelta fa fuori le celebri righe e più che ai blaugrana…fa pensare alla Croazia!

di Redazione Il Posticipo

 

Quando si è vista per la prima volta, c’è chi è rimasto talmente sconvolto da chiedersi se la notizia fosse vera o da incanalare come fake news. E invece le nuove indiscrezioni confermano, la maglia del Barcellona per la prossima stagione sarà…a scacchi. Rigorosamente blaugrana, per carità, ma con un design che richiama molto più la Croazia che la squadra di Messi. Una scelta che di certo non ha fatto piacere ai tifosi. L’assemblea dei soci ha salvato il logo dal rimodernamento, mantenendo la sigla FCB. Ma per la maglia, ci si è dovuti inchinare alle richieste del mercato.

TEST – Risultato: fan divisi e impazziti. Fra commenti satirici e pungenti, la nuova divisa da gioco dei campioni di Spagna è destinata a far discutere. Del resto l’originalità del concetto non poteva e probabilmente, non voleva passare inosservata. Come riporta il Sun, missione più che compiuta perchè la divisa a scacchi ha acceso una discussione interna nella aficion blaugrana. E, come abbastanza prevedibile, la nuova maglia del Barcellona spacca in due i social: c’è chi la adora e chi invece la definisce orribile.

REAZIONI – L’evidente somiglianza con quella della Croazia non sfugge quasi a nessuno, del resto era abbastanza comprensibile che qualcuno sostenesse che al massimo…può piacere a Rakitic. Certo, c’è anche un altro lato della medaglia; potrebbe essere un metodo per convincere il croato a rimanere? Qualcuno ci crede: “certo che il Barça ci tiene davvero tanto che Rakitic resti…”. Ma in generale, il mood nei confronti della nuova maglia non è esattamente positivo. C’è chi la definisce senza mezzi termini “una tovaglia” e chi aggiunge “è la peggiore maglia di sempre”. Qualcun altro si chiede semplicemente “perchè?”. Un minimo di speranza per i designer? Arriva…dall’abitudine: “all’inizio non mi piaceva, ma ora che la vedo di nuovo non è male”. Quanto tempo ci vorrà prima che passi la tempesta?

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy