Barcellona-Suarez, i blaugrana verso il muro contro muro: il Pistolero rischia di passare tutta la stagione in tribuna

Barcellona-Suarez, i blaugrana verso il muro contro muro: il Pistolero rischia di passare tutta la stagione in tribuna

L’uruguaiano sa già che non farà parte del progetto del nuovo tecnico e che la priorità del club catalano è quella che il centravanti si trovi una nuova sistemazione, per poter così risparmiare almeno parte del suo ingaggio. Ed è proprio qui che c’è tensione tra le parti, con la Juventus spettatrice interessata…

di Redazione Il Posticipo

Luis Suarez, fuori rosa…ma non troppo. Il Pistolero, in attesa dell’esame di italiano che potrebbe consentirgli di ottenere il passaporto tricolore (e con esso il via libera al trasferimento alla Juventus), si allena come uno dei tanti agli ordini di Ronald Koeman mentre il Barcellona si prepara all’esordio stagionale. Peccato che però l’uruguaiano sappia già che non farà parte del progetto del nuovo tecnico e che la priorità del club catalano è quella che il centravanti si trovi una nuova sistemazione, per poter così risparmiare parte (se non tutto) del suo ingaggio. Ed è proprio qui che, come spiega Sport, c’è tensione tra le parti.

MURO CONTRO MURO – Suarez, raccontano dalla Catalogna, si sta allenando e giocherà, se Koeman deciderà di mandarlo in campo. Ma per andare via non accetterà le modalità con cui ha lasciato il Camp Nou Rakitic, cioè rinunciare all’ultimo anno di contratto con il club. Suarez controbatte alla richiesta del club spiegando che la decisione di lasciarlo andare è della società e dell’allenatore e che quindi non ha intenzione di perderci qualcosa dal punto di vista economico. Se il Barça vuole che se ne vada, ci sarà bisogno di una buonuscita, altrimenti non se ne parla. Il che potrebbe portare a un muro contro muro che sarebbe ancora più clamoroso. Sport spiega che, in caso di mancato addio, non è escluso che il Barcellona decida di spedire in tribuna Luis Suarez per tutta la stagione, considerando che non rientra nei piani dell’allenatore.

MEGLIO UN ACCORDO – Un brutto colpo per il calciatore, che, nonostante non sia felicissimo di lasciare la Catalogna, di certo lo sarebbe di meno a stare fermo mentre i compagni giocano. Ecco perchè l’impressione è che alla fine a entrambe le parti conviene venirsi incontro. Una soluzione del genere, in fondo, non gioverebbe a nessuno. Il Barça pagherebbe lo stipendio a Suarez fino all’ultimo giorno di contratto e il calciatore sarebbe costretto a perdere un anno di carriera proprio quando, carta di identità alla mano, non è che gliene restino molti. Dunque, forse è il caso di accordarsi. Il che, questione passaporto esclusa, è esattamente quello che spera anche alla Juventus.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy