Barcellona senza gol dopo 45 partite al Camp Nou. Piqué: “Chiedo comprensione”

ll Barcellona non va oltre il pari contro lo Slavia Praga, che regge agli assalti dei padroni di casa. Finisce 0-0 e non succedeva da qualcosa come 45 partite che i blaugrana rimanessero a secco in casa. Piqué, al termine della partita, ha chiesto pazienza ai tifosi.

di Redazione Il Posticipo

Contro tutti i pronostici, lo Slavia Praga torna con un punto anche dal Camp Nou. Un pareggio evidentemente inaspettato e che riscrive la storia recente del Barcellona. Lo 0-0 ha chiuso una serie impressionante. La squadra catalana ha inanellato 45 partite ufficiali trovando sempre la via del gol al Camp Nou. L’ultimo pareggio a reti bianche risale allo scorso anno. Un Barça-Getafe datato 11 febbraio 2018. Quanto basta per far perdere la pazienza ai tifosi. E Piqué ha cercato, a fine partita, di calmare le acque.

PAZIENZA – Il centrale del Barcellona, come riportato dal Mundo Deportivo, ha chiesto un po’ di pazienza ai suoi tifosi, anche in considerazione dei risultati raggiunti sinora. “Vorrei chiedere un po ‘di pazienza. E di comprensione.  Le persone si aspettano di più da noi e lo capiamo perché siamo il Barcellona. Però vorrei ricordare che siamo ancora in corsa per tutte le competizioni.  E possiamo ancora migliorare molto, soprattutto a livello di gioco piuttosto che di risultati, perché alla fine siamo già in testa sia al girone di Champions che nel campionato”

TRIPLETE – Il difensore è comunque consapevole che il rendimento sinora sia a corrente alternata. Ed ha anche ammesso di come la squadra sia rimasta sorpresa dall’atteggiamento dello Slavia: “Non ci aspettavamo che giocassero con una linea così alta e all’inizio abbiamo dovuto risistemarci per evitare di offrire il fianco. Capisco poi che ognuno sia libero di farsi una opinione. Sono qui da molto tempo e so bene quali e quante siano le aspettative intorno alla squadra. E se le cose non vanno benissimo, è sufficiente per scatenare le critiche. Adesso tocca a noi giocatori trovare la mentalità giusta per risolvere i problemi il prima possibile. Ricordo che il primo anno di Luis Enrique, le cose non sono andate bene per i primi mesi ma alla fine abbiamo centrato il tripete”. Altri tempi…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy