Barcellona, oltre il danno la beffa: non solo Messi può andare via gratis…ma il club dovrebbe dargli anche 30 milioni!

La permanenza di Leo Messi al Barcellona nella prossima stagione continua ad essere un mistero. Non sarà facilissimo evitare che il numero 10 possa andarsene via senza che il Barcellona riceva un euro di compensazione. Anzi, i blaugrana rischiano, oltre il danno, anche la beffa: c’è un bonus fedeltà molto sostanzioso in ballo…

di Redazione Il Posticipo

La permanenza di Leo Messi al Barcellona nella prossima stagione continua ad essere un mistero. E di certo non aiuta il fatto che le elezioni per il prossimo presidente blaugrana saranno a gennaio, quando in teoria la Pulce, il cui contratto scade nel giugno 2021, potrebbe già aver firmato gratis per un’altra squadra. Per parlare di rinnovo serve una nuova dirigenza e da molte parti gli sguardi attenti rivolti verso il Camp Nou fanno pensare che non sarà facilissimo evitare che il numero 10 possa andarsene via senza che il Barcellona riceva un euro di compensazione. Anzi, da quanto racconta ESPN, i blaugrana rischiano, oltre il danno, anche la beffa.

BONUS – Perdere Messi a zero sarebbe un problema per il club, ma mai quanto…pagare anche 33 milioni di euro all’argentino. Questa, spiega la testata americana, la cifra che il Barcellona deve ancora a Messi sotto forma di bonus fedeltà. Un bonus messo nero su bianco sull’ultimo rinnovo, datato 2017, che trasformerebbe l’addio della Pulce in un dramma non solo sportivo ma anche economico. Già, perchè se è e vero che senza Messi in rosa il Barcellona si sgraverebbe dal contratto più pesante della storia del calcio, il club catalano dovrebbe comunque corrispondere la seconda parte del pagamento da 66 milioni di euro pattuito con il suo capitano e miglior marcatore di tutti i tempi. Un bonus che tra l’altro Messi avrebbe anche lasciato al Barcellona, se gli avessero permesso di andarsene in estate…

BEFFA – Considerando che da Barcellona filtrano da parecchio voci secondo cui il club sarà costretto a diminuire del 30% il monte ingaggi, chiedendo tagli ai calciatori sugli stipendi attualmente percepiti, non proprio una bella notizia per chi gestisce le casse del club. Che si troverebbe davanti a una situazione senza precedenti, anche complicata da spiegare a da far digerire ai propri tifosi. Che già non vogliono minimamente pensare a un Barcellona senza Messi, costringendo chiunque diventerà il nuovo presidente a fare salti mortali per assicurarsi la firma sul rinnovo da parte della Pulce. Figurarsi se poi la nuova dirigenza dovesse presentarsi con un Leo in partenza e che…svuota anche la tesoreria del Camp Nou…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy