Barcellona, nasce la…Dottrina Piquè: blaugrana convinti di un complotto organizzato per far vincere la Liga al Real

Gerard Piquè non sarebbe felicissimo di averci azzeccato, ma l’ultima giornata del campionato spagnolo gli avrà sicuramente fatto venire il dubbio di poter essere buon profeta sui possibili aiuti arbitrali al Real Madrid per far vincere la Liga ai Blancos. E in città nasce una teoria del complotto…

di Redazione Il Posticipo

Se alla fine il Real Madrid dovesse vincere la Liga, qualcuno potrebbe sostenere che “io l’avevo detto”. Certo, Gerard Piquè non sarebbe felicissimo di averci azzeccato, ma l’ultima giornata del campionato spagnolo gli avrà sicuramente fatto venire il dubbio di poter essere buon profeta. La sua frase sibillina sui presunti vantaggi al Real Madrid (“vedendo come sono andate le ultime giornata, sarà complicato che il Real perda punti”) pare essere stata confermata in pieno dalla partita dei Blancos contro la Real Sociedad, in cui è stato annullato un gol a Januzaj e ci sono proteste su entrambe le reti della squadra di Zidane.

DOTTRINA PIQUÈ – E a Barcellona…parte la teoria del complotto. AS la chiama la “Dottrina Piquè”, volta a delegittimare una eventuale vittoria del Real in Liga, giustificandola con errori arbitrali volti a favorire i Blancos e a creare ostacoli ai blaugrana. Il fatto che arrivi dal catalano, da sempre rappresentante dell’area più oltranzista e anti-madridista dello spogliatoio di Setien, non significa che la teoria non si stia facendo spazio tra molti tifosi, soprattutto dopo i match del weekend. E anche le testate di riferimento del mondo Barça come Mundo Deportivo e Sport hanno lanciato attacchi tutt’altro che velati alle decisioni arbitrali che hanno favorito l’aggancio del Real alla capolista.

ELEZIONI – Ma, spiega AS, l’atteggiamento troppo conciliatorio della società e di Bartomeu significa anche che la Dottrina Piquè potrebbe avere un impatto importante sulle elezioni per la presidenza del Barça. Molti dei candidati hanno infatti cavalcato l’onda delle proteste dei blaugrana nei confronti della classe arbitrale e del VAR.  Víctor Font, leader della plataforma Sí al Futur, ha twittato “vergogna”. Anche Toni Freixa, ex portavoce del club e candidato nel 2015 ha spiegato che “il VAR è diventato uno strumento per legalizzare una truffa”. E anche, Jordi Farré, altro candidato, ha attaccato: “una Liga scandalosa”. Insomma, la teoria del complotto prende sempre più piede e rischia di avere effetti sconvolgenti anche fuori dal campo…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy