Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Barcellona, il mistero…costoso di Matheus Fernandes: 15 milioni (di cui 8 di risarcimento) per…17 minuti!

Barcellona, il mistero…costoso di Matheus Fernandes: 15 milioni (di cui 8 di risarcimento) per…17 minuti! - immagine 1
Di errori di mercato, come dimostrano molti degli acquisti del post-Triplete del 2015, al Barcellona ce ne sono stati molti e anche pagati a carissimo prezzo. Ma nessuno è costato come...il mistero Matheus Fernandes...

Redazione Il Posticipo

Il mercato non è una scienza perfetta e gli errori si fanno. Succede a tutti, persino alle società che sono abituati a fare la scelta giusta e a trovare calciatori che valgono un tesoro e pagarli pochissimo. Per parecchi anni al Barcellona è andata ancora meglio, perchè buona parte di giocatori che hanno scritto la storia del club blaugrana negli ultimi quindici anni sono addirittura nati nella cantera. Quando però le giovanili hanno smesso quasi del tutto di creare fenomeni, dalle parti del Camp Nou hanno dovuto cominciare a lavorare sul mercato in maniera più intensa. E di errori, come dimostrano molti degli acquisti del post-Triplete del 2015, ce ne sono stati molti e anche pagati a carissimo prezzo.

MISTERO

—  

Ma se tutti gli acquisti sbagliati (a partire da Coutinho) hanno più o meno giocato, spesso fallendo, in maglia blaugrana, c'è anche chi è arrivato al Camp Nou per sette milioni di euro (più tre di bonus) e non è mai stato neanche presentato. È la strana storia di Matheus Fernandes. Il centrocampista brasiliano nel gennaio 2020 è stato acquistato dai catalani dal Palmeiras, e poi girato in prestito al Valladolid. A portarlo al Barça è stato l'ex DS Abidal, su consiglio di André Cury, ex responsabile del mercato sudamericano del club, quello che ha portato anche Arthur. Entrambi però hanno perso il posto e il brasiliano...ha smesso di esistere. Nel vero senso della parola. Il calciatore è stato valutato non da Barça, al punto che quando è tornato per la sua prima stagione in Catalogna il club ha deciso di non presentarlo neanche. Un anticipo di quello che sarebbe successo dopo: una sola presenza, grazie a Koeman che gli ha fatto giocare 17 minuti in Champions nel match contro la Dinamo Kiev.

I DANNI MORALI

—  

E poi, come spiega SERCatalunya, a causa della necessità di fare spazio nel monte salariale per i nuovi acquisti, nel 2021 è arrivata la rescissione di un contratto fino al 2025 e con una clausola rescissoria da 300 milioni di euro. Ma il brasiliano ha chiesto...i danni e adesso al Barça toccherà pagare. La richiesta iniziale di risarcimento, per "danni morali" era di circa 15 milioni di euro, che alla fine sono diventati 8. Aggiunti ai sette (più bonus) spesi per acquistarlo, fanno 15 milioni per 17 minuti. Non esattamente un affare. Ma nonostante la soddisfazione, il calciatore si è sfogato a Globoesporte. "Quando me l'hanno detto non ci potevo credere. Ero a casa con mia moglie e ho ricevuto un messaggio dal club che mi chiedeva se la mail che avevano era quella giusta. Ho detto di sì e mi hanno mandato il messaggio della rescissione. Non capivo, l'ho mandato al mio avvocato e al mio agente, mi hanno detto che mi mandavano via. E poi la cosa è uscita sui giornali. Nessuna conversazione, non mi hanno chiamato neanche per salutarmi". E ora, il Barça...ne paga le conseguenze.