Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Barcellona, è di nuovo caos: lo staff di Koeman e i medici del club sono ai ferri corti…per colpa di Pedri!

(Photo by David Ramos/Getty Images)

Che senza Pedri il Barcellona abbia difficoltà in campo, lo si è capito bene. Ma la sua lesione al quadricipite della gamba sinistra sta creando parecchie tensioni dalle parti del Camp Nou...

Redazione Il Posticipo

Che senza Pedri il Barcellona abbia difficoltà, lo si è capito lo scorso anno, quando Koeman ha lanciato il ragazzino che arrivava da Las Palmas e...non lo ha fatto uscire più. Tra Barça e nazionale, nella scorsa stagione il centrocampista ha giocato 73 partite, il che lo ha costretto a prendersi una vacanza quando gli altri erano già tornati in campo. Ma un breve riposo non può fare miracoli. Nonostante le apparenze, il giovanissimo spagnolo non è fatto d'acciaio e il corpo ha cominciato a risentire degli sforzi fatti. Ma la sua lesione al quadricipite della gamba sinistra sta creando parecchie tensioni dalle parti del Camp Nou...

RIUNIONE - Il calciatore ha avuto problemi domenica e la risonanza magnetica di lunedì ha ratificato che ci vorranno almeno tre settimane per recuperare. Il che ha costretto Koeman a una riunione d'emergenza con i medici del club, per parlare di questo problema, che lo costringerà a rimanere senza Pedri almeno fino alla prossima sosta per le nazionali, per poi vederlo tornare in campo dopo metà novembre. Ma AS spiega che la situazione è abbastanza tesa al momento e che è evidente una mancanza di sintonia tra lo staff di Koeman e i medici del Barcellona. E la discussione avuta nella riunione tra il secondo dell'olandese, Alfred Schreuder, e il responsabile dei fisioterapisti, Juanjo Brau è salita parecchio di tono.

TENSIONE - I testimoni hanno assicurato che ci sono stati momenti di tensione, con il vice di Koeman che si è molto arrabbiato per questo nuovo problema fisico di Pedri. Dal canto loro, i medici hanno parlato di sfortuna, spiegando che il fisioterapista con cui ha lavorato Pedri ha fatto bene il suo lavoro. E quindi la situazione si è surriscaldata e ognuno ha cercato...di dare la colpa a qualcun altro, con qualcuno che ha addirittura additato la situazione del terreno di gioco come responsabile dell'infortunio dello spagnolo. Insomma, non proprio un ambiente idilliaco in cui lavorare e il campo ne risente tanto quanto la salute dei giocatori. E Laporta, che continua a pensare a un futuro senza Koeman, dovrà anche tenere conto del pessimo rapporto che l'olandese e il suo staff hanno con medici e fisioterapisti.