Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Barça, Laporta sotto tiro: “Vende fumo. Se riesce a prendere Haaland, facciamolo ministro dell’Economia”

Barça, Laporta sotto tiro: “Vende fumo. Se riesce a prendere Haaland, facciamolo ministro dell’Economia” - immagine 1

Il Barça ha problemi a iscrivere alla Liga il nuovo acquisto Ferran Torres. Ma, per bocca del suo stesso presidente, sogna di acquistare Erling Braut Haaland. Una situazione a due facce che in Spagna fa rumore.

Redazione Il Posticipo

Il Barcellona è sospeso tra sogni...e realtà. Questo il risultato dei primi giorni di mercato, in cui i blaugrana hanno acquistato Ferran Torres, ma non lo possono ancora iscrivere alla Liga perchè il monte ingaggi dei catalani supera quanto stabilito dai parametri del campionato. Una situazione illogica, ma che ha spaventato il club al punto che è stato chiesto al City, senza successo, di inserire nell'accordo una clausola per cui, in caso di mancata iscrizione del nuovo arrivo, l'attaccante sarebbe tornato all'Etihad. Gli inglesi non hanno apprezzato, quindi ora il rischio è tutto sulle spalle del Barça. Che però, per bocca del suo stesso presidente Laporta, sogna di acquistare Erling Braut Haaland. Una situazione a due facce che in Spagna fa rumore.

VENDITORE FUMO - E in uno dei classici salotti del calcio iberico, quello di El Larguero di Cadena SER, i commenti al riguardo si sprecano. "Uno dei grandi problemi è lo scontro tra il realismo del DS Alemany e l'ottimismo che vende Laporta", spiega il giornalista Lluis Flaquer. Ma per il calciatore e opinionista Julio Pulido, non si tratta di ottimismo, ma di qualcosa di peggio. "La verità è che il Barcellona sta a 15 punti dalla vetta del campionato e che sta giocando l'Europa League. Vendono fumo, sono parole che non hanno alcuna base nella realtà". E un altro giornalista, Miguel Martin Talavera, invita il club a volare basso. "Manca la capacità di tenere i piedi per terra. Non si può pensare di fare acquisti come se nulla fosse".

HAALAND E FERRAN - Soprattutto se gli acquisti si chiamano Haaland. Al punto che il presentatore Jesús Gallego lancia una proposta...abbastanza particolare. "Se Laporta riesce a comprare Haaland, tanto vale rimuovere il ministro dell'Economia e mettere lui al posto suo". Ma i problemi più pressanti non sono quelli del mercato estivo e del possibile arrivo del norvegese, quanto quelli che riguardano gennaio. Senza togliersi di dosso alcuni ingaggi pesanti, Ferran Torres rischia davvero di non poter essere iscritto alla Liga. E il giornalista Antonio Romero spiega chiaro e tondo quali sarebbero le conseguenze: "Se si arrivasse a dover rispedire Ferran al City, sarebbe una cosa assolutamente ridicola. E tutta la dirigenza dovrebbe dimettersi in blocco". A partire, ovviamente, da Laporta.