Barça, l’accusa di Setièn: “I giocatori non interpretano bene alcune cose”

Barça, l’accusa di Setièn: “I giocatori non interpretano bene alcune cose”

Il tecnico del Barcellona Quique Setién ha parlato al termine della sfida con il Valencia. E non è stato tenerissimo…

di Redazione Il Posticipo

Il Barcellona cade, e anche piuttosto male, al primo test probante. Il Valencia ha la meglio sui Campioni di Spagna per due reti a zero. Un risultato che mortifica i blaugrana, apparsi involuti e in difficoltà rispetto alla precedente gestione. Setién, ai microfoni del canale tematico del Barcellona, e poi in conferenza stampa, accusa i giocatori…

INTERPRETAZIONE – Il tecnico, come riportato da AS, non è tenerissimo nei confronti della squadra: “Nel primo tempo abbiamo giocato male, senza rispettare le posizioni in campo. Ho visto poca precisione nei movimenti che hanno generato diverse situazioni di quattro contro cinque. Ci sono cose che non abbiamo compreso. Forse non mi sono spiegato bene, oppure  si devono capire meglio le cose. Nel secondo tempo c’è stato qualche progresso, ma non siamo andati in gol e abbiamo anche preso il secondo. C’è molto da migliorare, i giocatori non interpretano bene le cose. Il Valencia ci ha lasciato pressare e poi ci ha colpito. Dobbiamo sapere ciò che vogliamo e facciamo. Una cosa è capire le richieste, un’altra metterle in atto”.

SINGOLI – La squadra è apparsa sottotono. Vidal e De Jong, soprattutto, sembravano aver perso brillantezza. Setièn, però, è abbastanza categorico sopratutto su Carlos Perèz. “Di Vidal, non parlo in chiave di mercato. Non c’è nulla da aggiungere. La squadra deve trovare le misure in campo. Nel secondo tempo abbiamo apportato alcune correzioni. Le mie conversazioni con Perez restano private. Per quanto riguarda De Jong, Frenkie, esattamente come gli altri, deve ancora capire come giocare. Negli scorsi sei mesi ha interpretato un tipo di calcio, adesso ne chiediamo un altro”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy