Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Il Barça e quel 2-8 con il Bayern: due allenatori e una rivoluzione dopo, chi c’è ancora?

BARCELONA, SPAIN - AUGUST 08: Lionel Messi of FC Barcelona faces the media during a press conference at Nou Camp on August 08, 2021 in Barcelona, Spain. (Photo by Eric Alonso/Getty Images)

Barça, un anno dopo il 2-8 col Bayern, si parla di rivoluzione ma… in fondo le cose non sono cambiate poi tanto.

Redazione Il Posticipo

Può una squadra con 26 titoli nazionali, 31 coppe del Re, 5 Champions League e altrettante Supercoppe UEFA, mettere tutto in discussione per una sconfitta? Be’, sì. Il Barcellona, nella fattispecie, negli ultimi anni sembra aver messo in atto una vera e propria rivoluzione. Il 14 agosto 2020, il blaugrana venivano strapazzati 2-8 dal Bayern Monaco che poi diventerà campione d’Europa.

DI TUTTO  - Dalla sfida contro i bavaresi in poi è successo di tutto: Piqué ha parlato di ricambio necessario. Messi annunciato l’addio, il presidente esonerato l’allenatore. Quindi si sono indette le elezioni, che convincono Leo a restare. Segue l'allontanamento di Suarez, l'arrivo di Koeman, l'addio di Abidal e Bartomeu, il ritorno di Laporta. Si accende e si spegne la stella di Ansu.  Messi, dopo quasi un anno va via davvero. Sembra davvero una rivoluzione ma… passando al setaccio gli eventi la situazione, esclusa ovviamente la clamorosa partenza della Pulce, non sono cambiate poi tanto. Anche perché nel frattempo la sorte si è divertita a incrociare nuovamente i destini delle due squadre. E il Barcellona ne ha presi altri tre a domicilio. E ha cambiato nuovamente allenatori.

LA RIVOLUZIONE - Analizzando la rosa del Barça rispetto al ferragosto più triste della storia del club, non si va troppo lontani dalla famosa frase di gattopardiana memoria: “tutto cambia perché nulla cambi”. A scrivere le sorti di un club, all’atto pratico, sono i ragazzi che scendono in campo e di quelli in gara contro quel Bayern ce ne sono ancora sei con ottime chance di giocare titolari per il Barcellona.  Rileggendo la formazione di quella partita, sono cinque i giocatori che hanno lasciato il club: Suarez, poi campione di Spagna con l’Atletico e raggiunto da Griezmann. Semedo, andato a cercar fortuna in Premier. Non ci saranno Vidal  e Lionel Messi. Tutti gli altri titolari e i subentrati sono ancora lì: da Ter Stegen a Sergi Roberto. Da Piqué a Busquets.  In campo anche De Jong. In quella partita c'era anche Coutinho, allora in prestito in Baviera e autore di una doppietta in quel quarto di finale, è ancora in rosa, e soprattutto a libro paga, dei catalani impegnati a evitare la retrocessione in Europa League.