Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ballardini: “Buon pari, tutto sommato. Scamacca ancora non è da nazionale, però…”

FROSINONE, ITALY - SEPTEMBER 30:  Genoa CFC head coach Davide Ballardini looks on during the Serie A match between Frosinone Calcio and Genoa CFC at Stadio Benito Stirpe on September 30, 2018 in Frosinone, Italy.  (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Il Genoa gioca meglio in undici contro undici contro la Fiorentina.

Redazione Il Posticipo

Il Genoa gioca meglio in undici contro undici contro la Fiorentina. La squadra di Iachini, rimasta in dieci uomini dopo l'espulsione di Ribery, riduce al minimo i rischi contro i rossoblù. Il punto fa classifica e serve più ai viola ma resta il rimpianto di un occasione sciupata. Ballardini analizza la sfida ai microfoni di Sky Sport. 

PARI - Un punto che lascia qualche rimpianto. "Dobbiamo lasciare stare l'arbitro. Abbiamo giocato una sfida difficile contro un avversario fortissimo. La ripresa del campionato è sempre complicata dopo la sosta. Non è stata una partita bella, giocata anche in modo sporco ma è un punto importante. La prestazione è importante anche in virtù della qualità della Fiorentina che ha qualità importanti. Potrebbe anche dispiacere, ma finisce tutto lì".

SCAMACCA -  Sfida alquanto nervosa. E l'episodio da rigore su un possibile intervento di Eysseric  lascia qualche dubbio.  Pochi invece sulla qualità degli attaccanti. "C'è stata un po' di tensione, alcuni interventi sono stati scomposti ma l'allenatore sbaglia, i giocatori anche e gli arbitri pure. Se un mio giocatore entra così io mi preoccupo, perché il rischio è grande. Per quanto riguarda Scamacca dico che non è ancora pronto per la nazionale maggiore anche se ha delle qualità da centravanti importantissimo. Se da qui in avanti continua ad apprendere e lo farà  perché ha grande umiltà. Se impara a muoversi senza pallone, se segna tanti gol, gioca grandi partite, allora tutto potrebbe cambiare. Destro, in questo momento, è sempre presente nel gioco. Si muove, si fa vedere, difende, è dentro la partita. Era il suo maggiore difetto che notavo da allenatore avversario".