Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Bale non va: il Tottenham vuole restituirlo al mittente e il tesoriere del Real trema…

(Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

Alla Casa Blanca rischiano di fare i conti, nel senso più pieno del termine, con il ritorno del gallese.

Redazione Il Posticipo

Tottenham e Real Madrid hanno un problema. Gareth Bale. Il calciatore gallese ha lasciato la capitale spagnola per  quella inglese convinto di essersi lasciato alla spalle uno dei bienni peggiori della sua carriera. I fatti, però, raccontano che l'esterno offensivo degli spurs potrebbe puntare al... triennio. Con grande disappunto sia nel North London, sia, soprattutto alla Casa Blanca. Dove rischiano di fare i conti, nel senso più pieno del termine, con il ritorno del gallese.

DELUSIONE - Bale e il Real hanno brindato al loro divorzio. I blancos erano ben felici della sua partenza che alleggeriva Zidane di un problema nello spogliatoio e il Real Madrid di una voce pesantissima nel monte ingaggi. Il prestito sino a giugno al Tottenham doveva essere l'inizio di una terza vita calcistica per il gallese, che però non è mai davvero iniziata. E l'opzione di prolungare il soggiorno nel North London sino al 2022 quando il suo contratto sarà scaduto è un esercizio di ottimismo esagerato.

SINGHIOZZO - Il ragazzo ha, eufemismo, deluso. Bale ha avuto un rendimento da... Bale nell'accezione peggiore del termine. Si è infortunato spesso e ha totalizzato tre gol in 11 partite e 598' di gioco totale. Il rendimento in Premier è... una visione sconsigliata ai minori se non in compagnia di un adulto che possa anche spiegare il senso dell'operazione ai tifosi. Bale ha 4 presenze, un gol e 160' giocati. Allo status quo, soffre di un problema muscolare al polpaccio. E i tempi di recupero sono ancora indefiniti. Quanto basta per restituirlo al mittente.

BILANCIO - Riaverlo, anche senza Zidane in panchina, sarà un vero problema per il Real Madrid. Il club è rimasto fermo per due sessioni di mercato proprio per allargare nuovamente i cordoni della borsa nel prossimo giugno con l'obiettivo di rifondare la squadra. Verbo che cozza con lo stato di forma e soprattutto il costo del lavoro di Bale che incide per qualcosa come 30 milioni di euro. Soldi che sarebbero potuti essere spesi per garantire ingaggi importanti a calciatori più giovani. Urge una via d'uscita, che non si vede. La Cina ha chiuso i rubinetti. Resta la MLS, ammesso che attragga il giocatore.