Bale, il ritorno a Madrid è problematico…per colpa della Brexit: “Risulterà extracomunitario, anche venderlo sarà complicato. E la rescissione…”

A Londra, Gareth Bale è solo in prestito e a fine stagione dovrebbe tornare a Madrid ma… la Brexit gli crea parecchi grattacapi.

di Redazione Il Posticipo

Al suo ritorno al Tottenham, Gareth Bale è stato accolto come una sorta di eroe di guerra. Le aspettative su di lui erano alte, ma purtroppo il giocatore ha avuto bisogno di tempo per rimettersi in forma dopo l’infortunio al ginocchio. Pian piano, ha cercato di rimettersi in piedi, Mourinho lo ha mandato in campo per alcuni spezzoni di partita ma poi un altro infortunio, al polpaccio stavolta, lo ha fermato di nuovo ai box. In tutto, ha infilato 7 presenze in Premier League mettendo a segno una rete. Meglio in Europa League, dove ha giocato altrettante volte, andando a segno anche nel match contro il Wolfsberger. In ogni caso, a Londra è solo in prestito e a fine stagione dovrebbe tornare a Madrid ma… la Brexit gli crea parecchi grattacapi.

3 SLOT PIENI – L’eventualità del suo ritorno in Spagna fa già storcere la bocca ad alcuni tifosi blancos. Il suo rapporto con il club (e soprattutto con Zidane) è compromesso, difficile ricostruirlo. È pur vero che un eventuale addio di Zizou, principale antagonista del gallese a Madrid potrebbe costituire un elemento di ricostruzione. Il problema, però, prima di essere relazionale e contrattuale, è squisitamente burocratico. Il 31enne nato a Cardiff, al suo ritorno nella penisola iberica risulterebbe extracomunitario e, come riporta As, questo sarà un problema. Toni Roca, direttore dello Sports Law Institute, spiega la situazione. “Quando tornerà al Real, dovrà occupare una delle tre caselle da extracomunitario della Liga. Un bel problema, perchè limita le opzioni sul mercato del club, se dovesse rimanere”. E in effetti, i tre slot sono già pieni: Vinicius, Rodrygo, Militao.

SOLUZIONI E PROBLEMI – La federazione spagnola, in seguito alla Brexit ha trovato un accordo per far sì che i giocatori impegnati in Spagna risultassero come comunitari fino alla fine della stagione nonostante la Brexit cominciasse a produrre i propri effetti dal 31 dicembre 2020. Ma il fatto che Bale sia volato nel Regno Unito lo ha automaticamente escluso da questa agevolazione. E quindi, fino al giugno 2022, Bale rischia di essere il più pagato della Merengues (15 milioni di euro all’anno) e anche…il meno utilizzabile. E persino venderlo sarà un problema, come spiega Roca: “Se il Real vuole spedirlo in qualche grande campionato sarà complicato. E non parlo solo del suo stipendio. Anche altrove sarebbe extracomunitario e visto quanto guadagna e il suo rendimento, difficile che qualcuno punti su di lui. Quindi, al massimo il Real potrà venderlo nel Regno Unito. Oppure c’è la rescissione, ma anche quella costerebbe parecchio”. Insomma, che sia vicino o lontano, per il Real Bale è sempre un problema!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy