Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Babacar: “Ho scelto Copenaghen ma l’ultima partita, anche solo 5′, la vorrei giocare in maglia viola”

Babacar: “Ho scelto Copenaghen ma l’ultima partita, anche solo 5′, la  vorrei giocare in maglia viola” - immagine 1

L'ex viola lascia la Turchia e approda in Danimarca ma ha un sogno romantico.

Redazione Il Posticipo

Khouma Babacar lascia la Turchia e approda in Danimarca. Dopo una proficua esperienza nel campionato turco con la maglia dell'Alanyaspor il club non ha avuto la forza economica per riscattare il calciatore che dopo aver valutato, come riporta tuttomercatoweb che lo ha intervistato, offerte da Turchia, Asia e Francia ha scelto di ripartire da Copenaghen. Il suo sogno, però, è tornare in Italia.

COPENAGHEN - Una scelta, quella della punta di origini senegalesi, dettate dall'obiettivo di giocare in una squadra più competitiva a livello Europeo. "Sapevo che in Turchia non c'erano possibilità di trattenermi, complice la crisi economica. Volevo tornare a giocare una competizione di livello internazionale e quando si è prospettata la possibilità è stato semplice scegliere Copenaghen. Qui ho trovato un club con grandi ambizioni, è una piazza importante. Non ero mai stato in questa città ed è bellissima. Conoscevo persone che ci avevano abitato o che avevano soggiornato qui, ma le prime impressioni sono straordinarie".

VOLUTO  - Decisiva, per convincere il ragazzo, l'intercessione di N'Doye, uno dei pilastri della formazione di mister Thorup. "L'ho sentito prima di raggiungerlo e mi ha parlato di tanti aspetti. Ho scelto questa piazza anche per le attenzioni che hanno avuto nei miei confronti. Mi sono sentito desiderato, considerando che la rincorsa è durata oltre un mese. Ho già parlato con l'allenatore, mi ha piacevolmente sorpreso che conoscesse già tutto di me. Devo dire che è stata una bella sensazione".

Babacar: “Ho scelto Copenaghen ma l’ultima partita, anche solo 5′, la  vorrei giocare in maglia viola” - immagine 1

FIRENZE - C'è ancora tempo e spazio per un eventuale ritorno in Italia dopo Copenaghen. Il ragazzo non chiude la porta, anzi ha un desiderio a metà fra lo sportivo e il romantico. "L'Italia resta casa mia. E prima o poi voglio tornare per viverci. A Firenze. La sento come la mia città, vorrei andare lì. Anzi, vorrei giocare l'ultima partita della mia carriera, anche gli ultimi cinque minuti, con un contratto di due giorni, con la maglia della Fiorentina. E poi smettere".